Max Gazzè a Solofra: numero chiuso e sicurezza aumentata dopo i fatti di Torino

Max Gazzè a Solofra: numero chiuso e sicurezza aumentata dopo i fatti di Torino

20 giugno 2017

Numero chiuso per l’attesissimo concerto del cantautore Max Gazzè, previsto per il prossimo 23 Giugno a Solofra in occasione dei festeggiamenti di S. Michele Arcangelo.

La decisione è scaturita dall’incontro tenutosi ieri mattina presso Palazzo Orsini, su convocazione del sindaco Michele Vignola.

Ad indurre a drastiche decisioni, come avvenuto già in tutta Italia ed anche nelle scorse settimane ad Avellino, la circolare sulla sicurezza emanata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli dopo gli spiacevoli fatti di Torino dello scorso 3 giugno, verificatisi nel corso della proiezione in piazza della gara Juventus-Real Madrid.

Il nuovo provvedimento statale, sottoscritto anche dal Ministro degli Interni Marco Minniti, vuole infatti garantire maggiore sicurezza nei casi di grandi raduni, a cominciare dalla conta delle persone agli ingressi, per poi continuare con la divisione in settori degli stadi e delle piazze e con controlli ampliati alle aree di parcheggio. Inoltre, si prevede una divisione netta tra le aree di accesso e quelle di uscita, e la presenza di strutture sanitarie nei pressi dell’evento per fronteggiare le emergenze. Le disposizioni contenute nella circolare dovranno dunque essere rispettate dagli organizzatori su tutto il territorio nazionale, altrimenti scatterà il divieto o l’annullamento delle manifestazioni già programmate.

Intanto, a Solofra sono state previste tre aree di stazionamento per le ambulanze, mentre il locale destinato ad “Informagiovani”, in via Gregorio Ronca, fungerà da sala di pronto intervento.

Individuati anche i percorsi di accesso e deflusso dalla piazza, con vie di fuga che saranno evidenziate con apposita segnaletica.

Sarà inoltre vietata la vendita di bevande e di alcolici in vetro e in lattina, che proprio a Torino provocarono l’accidentale ferimento di centinaia di persone sopraffatte dalla calca.

Per garantire la fornitura di energia elettrica, sia al palco che alle luminarie, saranno invece previsti due gruppi elettrogeni.

Toccherà invece agli organizzatori il monitoraggio degli accessi ai varchi di ingresso, fino all’esaurimento della capacità ricettiva di piazza San Michele.