Manocalzati/Firmata l’ordinanza, le 13 famiglie evacuate rientrano a casa

by 11 marzo 2005

Si conclude il calvario degli sfollati di Manocalzati: a distanza di quaranta giorni circa dal rogo alla Irm, finalmente le tredici famiglie evacuate, ieri mattina hanno fatto ritorno nelle loro abitazioni. E’ stato il Sindaco Vittorio Ciampi a firmare le ordinanze ad ultimazione dell’opera di disinfestazione effettuata dalla Cidap, società di Pratola Serra che aveva ricevuto, con l’avallo dell’Azienda Sanitaria Locale, il mandato di provvedere alla bonifica dell’area circostante il capannone dei fratelli Pescatore.
La buona notizia è, però, accompagnata dalla polemica. Il comitato “Monte Sant’Angelo” ribadisce che fino ad oggi nulla è stato fatto per rimuovere i rifiuti ancora presenti nella Irm: una denuncia non nuova visto che il primo marzo scorso, durante il tavolo tecnico a Palazzo Caracciolo, il presidente dell’Arpac Cosimo Barbato nella sua relazione, inviata a tutte le autorità competenti, dichiarò che “gli esiti del sopralluogo hanno evidenziato che nell’impianto continua a svolgersi l’ordinaria attività a cui la struttura è destinata” nonostante, ricordiamo, i sigilli apposti al capannone come prassi quando viene avviata un’indagine, voluta in prima persona dal Procuratore Mario Aristide Romano, al fine di risalire alle cause e all’individuazione di eventuali responsabili dell’incendio, definito dallo stesso Capo di Palazzo di Giustizia di matrice dolosa. In merito alla presenza dei rifiuti nella Irm, il primo cittadino di Manocalzati sottolinea che su richiesta del Commissario Catenaccio, nelle prossime ore il Presidente dell’Ente Provincia Alberta De Simone dovrà provvedere alla convocazione di un tavolo di concertazione al fine di organizzare il modus operandi per la rimozione del pattume sequestrato rispondendo, così, alla richiesta di quei cittadini riuniti nel comitato “Monte Sant’Angelo”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.