“Mai più soli. Non abbiate paura di denunciare il racket e l’usura”

“Mai più soli. Non abbiate paura di denunciare il racket e l’usura”

21 Febbraio 2017

Battesimo per l’osservatorio anti usura in provincia di Avellino.

E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto stamane in Prefettura, in corso Vittorio Emanuele, dove a partecipare sono stati i riferimenti dell’associazione nazionale anti-racket (composta da imprenditori e commercianti che hanno subito usura), i rappresentanti delle forze dell’ordine irpine, e il prefetto di Avellino Carlo Sessa.

“Nel secondo semestre del 2016 – ha spiegato Sessa – non risultano denunce per casi d’usura. Un dato grave, perché non possiamo affermare che il fenomeno non esista. La situazione criminalità, in Irpinia, è sotto controllo. Ma dobbiamo incrementare la collaborazione fra istituzioni e associazioni di commercianti”.

Presente al summit anche il Prefetto Domenico Cuttaia, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura e Tano Grasso, presidente nazionale associazione anti-racket che ha detto: “Occorre far percepire ai colleghi operatori economici la salda alleanza tra le associazioni e le Istituzioni. Non è un caso che abbiamo scelto la sede della Prefettura per presentare questa associazione in Irpinia, poichè lavoriamo in sinergia col Prefetto, con le forze dell’Ordine e con l’Autorità Giudiziaria. Abbiamo in questo senso le spalle coperte ed è questo il messaggio che voglio lanciare a tutti gli imprenditori”.

Ancora Grasso: “Oggi offriamo ai nostri colleghi di Avellino uno strumento nuovo, fatto da operatori economici, che si offrono per garantire per evitare la solitudine a chi denuncia. Viene meno dunque il rischio che la denuncia equivale all’isolamento. Da oggi infine, ci saranno commercianti che chiederanno ad altri commercianti di denunciare”.