Lupi, cinque squilli a Cervinara: Novellino sceglie il 3-5-2

Lupi, cinque squilli a Cervinara: Novellino sceglie il 3-5-2

14 febbraio 2018

Cervinara, Claudio De Vito – Cinque reti di dilettanti del Cervinara per intensificare le operazioni in vista dell’esterna di Venezia. L’Avellino si è imposto 5-1 nel test con la formazione caudina militante nel torneo di Eccellenza grazie alla doppietta di Ardemagni nel primo dei due tempi da mezz’ora ciascuno e alle reti nella ripresa di Laverone, Wilmots e del baby attaccante della Primavera Mentana.

Non proprio una passeggiata al “Canada-Cioffi” per la squadra di Novellino che ha dovuto anche incassare il momentaneo punto dell’1-3 firmato Russolillo per colpa di un’indecisione di un altro baby, il portiere Malaspina. Tra i pali infatti non c’erano né Radu né Lezzerini. Il rumeno è ai box per un’infiammazione al quadricipite e salterà la gara con gli arancioneroverdi di Inzaghi. Il suo vice è stato risparmiato perché la coperta nella batteria dei portieri è corta considerando l’infortunio alla spalla occorso un mese fa a Iuliano.

Lezzerini come novità dunque alla base dell’undici che scenderà in campo al “Penzo” con il dispositivo tattico del 3-5-2, speculare a quello del Venezia. Novellino ci ha fatto le prove oggi seppur in maniera sfalsata mischiando le carte nell’arco dell’ora di testa. Il terzetto difensivo iniziale ha visto agire Pecorini, Kresic e Ngawa da destra a sinistra, ma dei tre soltanto il belga potrebbe trovare spazio sabato in campionato.

Marchizza non ha giocato perché reduce dall’amichevole di Frosinone con l’Under 20 azzurra, ma domani sarà di nuovo in gruppo e con ogni probabilità sarà riconfermato sul centrosinistra. Terapie e piscina per Migliorini che resta in dubbio, mentre Morero era a Cervinara ma non è sceso in campo. L’argentino potrebbe fare da perno in un ipotetico trio con Ngawa sul centrodestra e Marchizza sul lato opposto oppure addirittura perdere il posto se dovesse prendere quota la candidatura di Kresic in mezzo.

A centrocampo Molina e D’Angelo dovrebbero fare gli interni con Di Tacchio playmaker di sostanza. Sulle fasce Laverone a destra, mentre a sinistra Rizzato se la gioca con Falasco che nel 3-5-2 si trova a suo agio. Ardemagni guiderà l’attacco supportato da Asencio alle prese con un risentimento all’adduttore che a quanto pare però non dovrebbe impedirgli di essere della partita.

L’unica alternativa sarebbe Vajushi che oggi ha agito da seconda punta proprio alle spalle di Ardemagni con tanto di assist per la seconda marcatura del bomber milanese in cerca del gol che gli manca del 6 novembre. Sono mancati all’appello oggi invece anche Castaldo, Bidaoui e Gavazzi lontani dal recupero per il Venezia, Moretti (risentimento al flessore) e Cabezas (postumi dell’infortunio muscolare) in forte dubbio.