Lumini e riscaldamento acceso, uomo tenta di uccidersi in casa

25 agosto 2014

Ariano I. – Il tempestivo e coraggioso intervento dei carabinieri evitano la morte per soffocamento di un disabile e con problemi psichici di Ariano. Una crisi respiratoria definita pesante dai soccorritori che non gli avrebbe dato scampo. Gli abitanti della zona, muniti di un piede, di porco hanno forzato una porta per raggiungere il sessantaquattrenne che in una condizione di estremo degrado e pericoli, in uno stato confusionale, lamentava dolori, non riuscendo a respirare. L’abitazione si era trasformata in un forno, con l’impianto di riscaldamento acceso e la temperatura altissima, a terra ceri accesi ovunque con il rischio reale di un principio di incendio. Messo in sicurezza lo stabile, i carabinieri dopo aver tranquillizzato l’uomo e tratto in salvo, lo hanno consegnato alle cure dei sanitari del 118, per poi trasportarlo in ospedale.