Lubomyr Melnyk, il pianista più veloce al mondo, in concerto ad Avellino.  L’evento nei giardini di Villa di Marzo

Lubomyr Melnyk, il pianista più veloce al mondo, in concerto ad Avellino. L’evento nei giardini di Villa di Marzo

18 luglio 2016

È considerato «il pianista più veloce al mondo», ma anche il «Bach del XXI secolo» e il «Rasputin della scena post-classica». Lubomyr Melnyk è un autentico innovatore nel panorama della musica classica contemporanea e martedì 26 luglio alle ore 21:00 sarà ad Avellino per un concerto evento, unica data per il Sud Italia del 2016.

Nella splendida location dei giardini di Villa di Marzo, oasi verde nel cuore di Avellino, il pianista ucraino presenterà al pubblico il suo ultimo lavoro discografico “Illirion”, prodotto dalla Sony Classical, una delle etichette più prestigiose al mondo, in una serata che si presenta come l’evento musicale dell’estate avellinese, organizzata da “Godot Art Bistrot” e “City Hollers Record”, in collaborazione con l’associazione culturale “Koinè Art Lab” e l’agenzia “Basemental”.

Pur calcando le scene da oltre 35 anni, Lubomyr Melnyk si è guadagnato l’attenzione del pubblico internazionale solo nel 2012, grazie all’album “Windmills” uscito per l’etichetta Hinterzimmer. Da quel momento, il pianista ucraino, ha pubblicato album di grande richiamo come “Corollaries”, per l’etichetta inglese Erased Tapes, prodotto da Peter Broderick con la collaborazione di Nils Frahm e Martyn Heyne e “Rivers And Streams”, con la produzione curata stavolta da Robert Raths e Jamie Perera.

Dopo il successo riscosso dagli ultimi due album e dai concerti europei della scorsa primavera, Melnyk firma un contratto con la prestigiosa Sony Classical con la quale pubblica “Illirion”, album di straordinaria intensità che Melnyk ha portato in giro per il mondo e che presenterà, in esclusiva per il Sud Italia, il 26 luglio nella serata di Villa di Marzo.

La natura della Continuous Piano Music, eccellenza stilistica di cui Melnyk ne è l’inventore oltre che il solo depositario al mondo, sta nel flusso di note e arpeggi complessi, stratificati, impreziositi da riverberi che amplificano il suono, paragonabili, idealmente, allo scorrere inarrestabile dell’acqua di un fiume.

Un linguaggio pianistico unico e personale, fatto di onde di note velocissime che danno vita ad un flusso perpetuo e magico, ai confini tra percezione melodica e viaggio onirico, un incanto sonoro la cui natura ultima rimane misteriosa. Basandosi sul principio di una corrente di suono costante e continua, senza interruzioni, crea pattern di note rapidi, complessi e virtuosi, che gli sono valsi anche il titolo di pianista più veloce al mondo.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.

Latests News

L’Avellino sbanda ancora: a Terni è una Caporetto. Rivivi il live

Live Libero Liberati, l’inviato Claudio De Vito – L’Avellino sfida la

26 marzo 2017

Scoperta discarica a cielo aperto a Grottolella, rischio Eternit

Nella giornata di sabato 25 marzo attraverso un attento sopralluogo

26 marzo 2017

Solofra, un flash mob per restituire alla città la piscina comunale

Si sono ritrovati davanti all’ingresso, chiuso, dell’ormai ex piscina comunale

26 marzo 2017