Trotta non basta all’Avellino: la qualificazione è rosanero. Rivivi il live dal Barbera

Trotta non basta all’Avellino: la qualificazione è rosanero. Rivivi il live dal Barbera

15 agosto 2015

L’inviato a Palermo, Claudio De Vito – Irpinianews segue live dallo stadio “Renzo Barbera” il match tra Palermo e Avellino valevole per il terzo turno eliminatorio di Tim Cup. I lupi di Attilio Tesser vanno a caccia dello sgambetto di coppa ai rosanero, dopo aver liquidato i cugini della Casertana con un secco 3-0 nel derby.

SECONDO TEMPO

45’+5′ – Fischio finale: il Palermo supera al turno grazie al 2-1 sull’Avellino. Decisivo lo squillo di Quaison abile a replicare immediatamente al pareggio di Trotta. I lupi salutano la Coppa Italia con l’onore delle armi. Dal “Renzo Barbera” è tutto per la diretta testuale del terzo turno di Tim Cup tra rosanero e biancoverdi.

45’+2′ – Conclusione a pelo d’erba di Gavazzi che Sorrentino para alla sua destra.

45′ – Ultimi assalti dell’Avellino che ci prova con le forze residue. 5′ di recupero

37′ – Biraschi esplode il destro dal limite, la palla termina alta non di molto.

36′ – Rigoni sfiora ancora una volta il tris con un tocco morbido dal limite su transizoone rosanero. Palla alta di poco.

35′ – Punizione di Tavano a rientrare dalla sinistra, Sorrentino smanaccia in angolo.

29′ – Sassata mancina di Lazaar che dal limite fa tremare la traversa a Frattali battuto. I rosanero legittimano il vantaggio.

25′ – Brutto infortunio per Mokulu che in uno scontro di gioco a centrocampo spalle alla porta si fa male alla spalla. Eloquenti i gesti di dolore dell’ariete belga da poco entrato al posto di Trotta. Pronto Pozzebon.

23′ – Azione avvolgente a ridosso dell’area da parte del Palermo che chiama al tiro Vazquez, il fantasista sfiora il palo lungo con un sinistro delizioso.

20′ – Mokulu rileva Trotta tra le fila biancoverdi. Il belga proverà a sfondare di nuovo al fianco di Tavano.

16′ – Risposta immediata del Palermo. 2-1 rosanero con Lazaar che scodella al centro, sul secondo palo sbuca il solito Rigoni, miracolo di Frattali ma il tap in di Quaison a porta vuota è vincente. Rosanero di nuovo avanti.

15′ – Pareggio dell’Avellino! Cross di Gavazzi dalla sinistra, Trotta in estirada si allunga e col sinistro buca Sorrentino. 1-1 al “Barbera”.

14′ – Imbucata di Vazquez che dal limite pesca sul secondo palo Belotti, Nitriansky è tagliato fuori ma l’attaccante palermitano non trova l’impatto da pochi passi.

10′ – Entra Jidayi al posto di uno Zito stremato. Il gol del Palermo è arrivato nel momento migliore dell’Avellino.

8′ – Palermo in vantaggio. Angolo di Quaison, torre di Belotti per Rigoni che addomestica tutto solo, si gira e batte Frattali. Difesa biancoverde immobile nell’occasione.

5′ – Super parata di Frattali!. Vazquez indisturbato carica il sinistro ai 22 metri, palla indirizzata all’incrocio vicino ma il portiere biancoverde la smanaccia in angolo con un guizzo dei suoi.

2′ – Traversa di Trotta! Azione confusa in area dopo un colpo di testa di Soumarè, il bomber casertano arpiona la sfera e scarica il sinistro che accarezza il montante. Avellino vicino al vantaggio!

1′ – Squadre di nuovo sul terreno di gioco con gli stessi effettivi. Tesser chiede ancora uno sforzo a Zito, apparso in difficoltà col passare dei minuti. La sua sostituzione non dovrebbe tardare a giungere come annunciato dallo stesso tecnico.

PRIMO TEMPO

45’+1′ – Squadre a riposo dopo un solo minuto oltre il tempo regolamentare. Risultato ad occhiali al “Barbera” con l’unica emozione rappresentata dal palo colpito da Rigoni intorno alla mezz’ora. Avellino coraggioso e ben messo in campo ma praticamente nullo nella fase propositiva.

43′ – Ammonito Rea. E’ il secondo “cattivo” biancoverde dopo Biraschi. Avellino con entrambi i centrali difensivi sul taccuino dell’arbitro.

41′ – Destro dai 22 metri di Belotti completamente sballato. Qualche fischio dagli spalti per l’attaccante del Palermo.

39′ – Sta diventando una partita a scacchi tra Palermo ed Avellino. Varchi chiusi da ambo le parti con le difese che controllano senza troppo affanno.

36′ – L’Avellino ha ripreso campo costringendo il Palermo ad arretrato il proprio baricentro.

31′ – Palo del Palermo. Ennesimo traversone di Rispoli dalla destra, Arini spazza ma al limite arriva come un treno Rigoni, traiettoria sporcata e palla sul legno esterno.

27′ – Arini ci prova dai 25 metri con un tiro di prima intenzione in equilibrio precario, palla larga alla destra di Sorrentino.

25′ – Si accende ancora Vazquez che prende palla al limite, si fa luce sul sinistro, lo carica ma Frattali ribatte alla sua destra con la palla che gli era rimbalzata davanti.

22′ – Aumenta la pressione dei padroni di casa che collezionano calci d’angolo. L’Avellino tiene botta ma da un po’ di tempo non riesce più ad uscire palla al piede dalla propria metà campo.

20′ – Grosso rischio corso da Biraschi che trattiene al limite Belotti che sarebbe finito in porta. Giallo per l’ex Grosseto ma il Palermo ha chiesto l’espulsione per fallo da ultimo uomo.

19′ – Il Palermo ha iniziato a spingere da qualche minuto ma prevale un sostanziale equilibrio qui al “Barbera” da dove vi stiamo raccontando live la partita del terzo turno di Tim Cup.

15′ – Cross insidioso di Rispoli che cerca di sorprendere sul primo Frattali, il portiere biancoverde si rifugia in angolo.

13′ – Destro fiacco di Rigoni dai 18 metri: Frattali para centralmente a terra.

11′ – Interessante la posizione di Gavazzi molto largo a destra per tentare di creare la superiorità in fase di possesso e di aiutare in quella di non possesso Nitriansky.

9′ – Cross tagliato di Rispoli dalla destra, Frattali non è impeccabile nell’uscita di pugno, la palla poi si perde in area e viene rinviata. Brivido per i biancoverdi.

5′ – Il Palermo si accende all’improvviso sulla sinistra con un numero di Vazquez che in tunnel supera Biraschi e va al cross che Frattali intercetta in presa sicura.

4′ – Avvio di personalità da parte dei lupi che cercano di manovrare con il palleggio che sembra mettere in difficoltà il Palermo.

1′ – Partiti! Avellino in maglia e calzettoni bianchi con pantaloncini verdi. Palermo con la classica casacca casalinga con maglia rosa e pantaloncini e calzettoni neri. 

0′ – Sono arrivati i tifosi dell’Avellino. Poco meno di un centinaio i sostenitori giunti dall’Irpinia per dar man forte alla squadra di Tesser.

0′ – C’è un caldo afoso ad accogliere rosanero e biancoverdi nell’arena del “Renzo Barbera”. Attilio Tesser conferma il 4-3-1-2 affidandosi agli interpreti annunciati alla vigilia. In difesa gioca Rea al posto dell’infortunato Ligi; Zito torna in mediana con un tempo e poco più di autonomia; tra le linee chance per Soumarè preferito ad Insigne alle spalle della coppia-gol Trotta-Insigne. Palermo col 3-5-2. Anche in tal caso la formazione di partenza è quella annunciata con l’unica eccezione rappresentata dall’ultimo arrivato El Kaoutari al posto di Andelkovic. Jajalo dirige le operazioni a centrocampo e Vazquez giostra a supporto del Gallo Belotti. 10 mila gli spettatori attesi sugli spalti, oltre un centinaio quelli provenienti dall’Irpinia.

Palermo-Avellino 2-1

Palermo (3-5-2): Sorrentino; Vitiello, Gonzalez, El Kaoutari; Rispoli, Rigoni, Jajalo, Chochev (6′ st Quaison), Lazaar (32′ st Daprelà); Belotti, Vazquez.

A disp.: Colombi, Andelkovic, Goldaniga, Trajkovski, Cassini, Hiljemark, Brugman, Benali, Bentivegna, Pirrello.

All.: Giuseppe Iachini.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Nitriansky, Biraschi, Rea, Visconti; Gavazzi, Arini, Zito (10′ st Jidayi); Soumarè; Trotta (20′ st Mokulu, 27′ st Pozzebon), Tavano.

A disp.: Bianco, Offredi, Nica, Schiavon, Insigne, Giron, D’Attilio, Chiosa.

All.: Attilio Tesser.

Arbitro:  Claudio Gavillucci della sezione di Latina.

Guardalinee: Mauro Vivenzi della sezione di Brescia e Sergio Ranghetti della sezione di Chiari.

Reti: 8′ st Rigoni (P), 15′ st Trotta (A), 16′ st Quaison (P).

Note: ammoniti al 10′ pt Chochev (P), al 20′ pt Biraschi (A), al 43′ pt Rea (A), al 4′ st Gavazzi (A), al 19′ st Rigoni (P), al 35′ st Rispoli (P), al 41′ st Frattali (A), al 44′ st Jajalo (P); angoli 9-5; recupero 1′ pt e 5′ st.