Palermo con il minimo sindacale: l’Avellino si inchina al “Barbera”

Palermo con il minimo sindacale: l’Avellino si inchina al “Barbera”

21 aprile 2018

di Claudio De Vito, inviato a Palermo – L’Avellino cede il passo ad un Palermo tutt’altro che irresistibile ma abile ad approfittare delle consuete amnesie difensive biancoverdi. Rosanero ok con i penalty gentilmente concessi da Morero e trasformati da Coronado in avvio e da Trajkovski per il tris, in mezzo la stoccata di La Gumina. Punizione eccessiva per i Foscarini boys coraggiosi e padroni del campo per buona parte del primo tempo. Ora la zona playout dista soltanto un punto aspettando la sfida del Pescara di domani.

Palermo-Avellino 2-0, il tabellino.

Marcatori: 9′ pt rig. Coronado, 2′ st La Gumina, 28′ st Trajkovski.

Palermo (3-5-1-1): Pomini; Bellusci (1′ st Accardi), Struna, Rajkovic (43′ st Fiore); Rispoli, Murawski (24′ st Fiordilino), Chochev, Coronado, Aleesami; Trajkovski; La Gumina.

A disp.: Maniero, Posavec, Moreo, Paula Da Silva, Fiore, Santoro, Ingegneri. All.: Tedino.

Avellino (4-3-3): Lezzerini; Laverone (17′ st Asencio), Ngawa, Morero, Marchizza; Gavazzi, Di Tacchio, De Risio; Molina, Ardemagni (43′ st Wilmots), Vajushi (30′ st Cabezas).

A disp.: Radu, Casadei, Moretti, Kresic, Migliorini, Morosini, Wilmots. All.: Foscarini.

Arbitro: Giua di Olbia. Assistenti: Colella di Crotone e Lanotte di Barletta. Quarto uomo: Dionisi di L’Aquila.

Note: ammoniti 7′ st Molina, 26′ st Coronado, 32′ st De Risio per gioco scorretto; angoli 2-3; recuperi 3′ pt e 5′ st.

SECONDO TEMPO

45’+5′ – Game over al “Renzo Barbera” dove l’Avellino capitola con tre reti sul groppone. Risultato immeritato da parte della formazione di Foscarini ancora una volta vittima dei suoi errori difensivi che hanno avuto in Morero l’interprete più disastroso con due rigori procurati al Palermo.

45′ – Cinque minuti di recupero.

43′ – Wilmots sostituisce Ardemagni nell’Avellino e Fiore prende il posto di Rajkovic nel Palermo.

41′ – Sbaglia Fiordilino che serve Cabezas al limite, il sinistro, Pomini c’è e respinge.

39′ – Si aspetta oramai soltanto la fine della gara.

35′ – Avellino con i remi in barca per via delle sue solite ingenuità difensive.

32′ – Brutto fallo di De Risio su Chochev, ammonito il mediano biancoverde.

30′ – Foscarini inserisce Cabezas al posto di Vajushi.

28′ – Tris Palermo con Trajkovski dagli undici metri: Lezzerini intuisce ma la trasformazione è angolata. Avellino al tappeto e partita in cassaforte per i rosanero.

27′ – Calcio di rigore per il Palermo: ancora un fallo di Morero questa volta su La Gumina servito da Coronado verso il fondo.

26′ – Ammonito Coronado per aver fermato con un fallo Vajushi.

25′ – L’Avellino è in partita ma gli manca la stoccata finale.

24′ – Fiordilino sostituisce Murawski infortunatosi in un contatto con Molina.

22′ – Asencio illumina Ardemagni in verticale, il diagonale con il destro finisce sull’esterno della rete ma buona trama biancoverde.

20′ – Ancora Avellino in avanti questa volta con il traversone di Marchizza che trova Asencio, l’anticipo di testa su Struna ma Pomini questa volta blocca senza problemi.

18′ – Avellino vicino a dimezzare lo svantaggio: cross di Molina per lo stacco imperioso di Ardemagni, riflesso di Pomini, la palla gli resta lì e la riesce ad allontanare con Asencio che non riesce a correggerla in rete.

18′ – 4-4-2 Avellino con Gavazzi terzino destro e Asencio di punta con Ardemagni.

17′ – Asencio prende il posto di Laverone.

13′ – Foscarini manda a scaldare Asencio.

10′ – Come ad inizio gara, l’ex Trapani riesce a proseguire.

9′ – Coronado di nuovo a terra.

7′ – Ammonito Molina per aver tirato per la maglietta La Gumina partito in contropiede.

6′ – Molina ubriaca Murawski poi va sul fondo e mette la palla sottomisura dove Ardemagni viene anticipato in angolo.

6′ – Avellino sotto con il minimo sindacale da parte del Palermo.

4′ – Avellino beffato tra le linee da Trajkovski lasciato tutto solo per inventare premiando la profondità di La Gumina.

2′ – Il Palermo raddoppia con Trajkovski che verticalizza per La Gumina, Ngawa è in ritardo nella chiusura e l’attaccante rosanero può fulminare Lezzerini. 2-0 Palermo e Avellino sotto shock.

1′ – Riprende il gioco con una novità nel Palermo: Accardi sostituisce Bellusci.

0′ – Sono 9.173 gli spettatori presenti al “Renzo Barbera” secondo i dati ufficiali forniti dall’ufficio stampa del Palermo.

PRIMO TEMPO

45’+3′ – Va archivio il primo tempo senza troppi sussulti nel recupero: comanda il Palermo grazie al penalty di Igor Coronado in avvio di partita. Svantaggio immeritato per i biancoverdi che hanno sfiorato il pareggio in almeno tre occasioni con Molina, Ardemagni e Di Tacchio.

45’+3′ – Di Tacchio crossa dalla bandierina del corner, Gavazzi raccoglie al volo una respinta di testa ma la conclusione volante con il destro finisce alta.

45′ – Tre minuti di recupero qui al “Renzo Barbera”.

42′ – Il solito Vajushi crossa al centro, Ardemagni si stacca dal diretto marcatore e prova l’acrobazia ma sbuccia il pallone che si perde sul fondo. L’Avellino però c’è e ha preso il sopravvento nelle operazioni di gioco.

39′ – Ancora Avellino ad un passo dal pareggio. Di nuovo Vajushi crea i presupposti dalla destra, assist a rimorchio per Di Tacchio che carica la conclusione con il destro murata dalla difesa rosanero poi ancora lui con lo stesso piede ma il tiro è strozzato e finisce largo con Pomini a terra.

37′ – Avellino di nuovo vicino al pari con Ardemagni: Vajushi va al cross sporcato dalla destra, la palla si impenna con Ardemagni che beffa Pomini a vuoto nell’uscita alta ma non Rajkovic che salva sulla linea.

36′ – Foscarini inverte Molina e Vajushi sugli esterni.

35′ – Aleesami e Laverone a terra distanti l’uno dall’altro dopo il contrasto in area sulla conclusione del norvegese.

34′ – Aleesami di porta il pallone sul destro e calcia con la respinta di Ngawa in piena area. Il Palermo torna a farsi sentire in area avversaria.

32′ – Contatto in area Ngawa-Trajkovski con Giua che questa volta lascia proseguire.

31′ – Dopo la sfuriata iniziale che ha prodotto il calcio di rigore trasformato da Coronado, il Palermo ha abbassato il ritmo.

30′ – Marchizza crossa al centro, palla respinta, Di Tacchio da distanza siderale con il sinistro calcia a lato. Segnali di Avellino nella partita.

27′ – L’Avellino ha guadagnato metri sfruttando il calo di ritmo del Palermo.

23′ – Palermo padrone del campo con l’Avellino a caccia degli spazi per agire di rimessa.

18′ – 4-2-3-1 Avellino con Gavazzi, in difficoltà nei tre di centrocampo, a ridosso di Ardemagni.

15′ – Vajushi accelera e pesca Gavazzi che va con il piazzato all’interno dell’area, Rajkovic mura la conclusione poi arriva Molina che con la porta sguarnita calcia alto. Che chance per i lupi.

12′ – Avellino frastornato dal ritmo del Palermo e ora costretto ad inseguire per una partita tutta in salita. Sono arrivati intanto i tifosi biancoverdi del tifo organizzato.

9′ – Coronado batte centralmente con Lezzerini che si tuffa a destra: 1-0 Palermo e Avellino già in bambola.

8′ – Calcio di rigore per il Palermo: Morero affossa Rispoli in area sugli sviluppi di un corner.

6′ – Gran ritmo da parte del Palermo più tonico rispetto ai biancoverdi che continuano a subire l’iniziativa rosanero.

5′ – Coronado aggira la barriera sulla punizione da posizione decentrata ai 20 metri, palla fuori bersaglio.

4′ – Palermo subito aggressivo con l’Avellino rintanato al limite.

4′ – Il brasiliano ha ripreso a giocare e si rende protagonista di un assist al centro che taglia tutta l’area.

2′ – Subito problemi per Coronado affossato da Di Tacchio.

2′ – La maggior parte dei 66 tifosi dell’Avellino non è ancora arrivata allo stadio.

1′ – Parte la sfida al “Renzo Barbera”: l’arbitro Giua della sezione di Olbia decreta l’inizio delle ostilità.

0′ – Stanno arrivando a scaglioni i 66 tifosi biancoverdi che occuperanno il settore ospiti del “Renzo Barbera”. Non è atteso il colpo d’occhio da parte del pubblico di casa.

0′ – Squadre in campo per il riscaldamento: cresce l’attesa per la sfida che dovrà alimentare gli obiettivi agli antipodi delle due squadre.

0′ – Clima tipicamente primaverile, anzi quasi estivo a Palermo con oltre 20 gradi sul termometro.

0′ – Il Palermo è quello ampiamente annunciato e rimaneggiato per via delle squalifiche di Gnahorè e Jajalo in mediana e degli infortuni, su tutti, di Nestorosvki sostituito da La Gumina con Trajkovski a sostegno nel 3-5-1-1 che torna nei piani tattici di Tedino. Bellusci e Rajkovic si rivedono in difesa per ovviare alle assenze di Dawidowicz e Szyminksi. In mediana invece spazio a Chochev in posizione di regista con Coronado mezzala con licenza di inventiva tra le linee.

0′ – Foscarini conferma le intenzioni di 4-3-3 ma propone alcuni interpreti diversi da quelli annunciati. A centrocampo chance dal 1′ per Gavazzi come mezzala destra con Di Tacchio e De Risio. Nel tridente offensivo Vajushi e non Cabezas, Ardemagni e non Asencio con Molina perno duttile avanzato rispetto alla posizione abituale. La difesa cambia per un quarto con Migliorini rimpiazzato da Morero. D’Angelo e Radu, come il centrale di Peschiera del Garda, non sono ancora al meglio e si accomodano rispettivamente in tribuna (dopo aver effettuato un provino) e in panchina.

0′ – Amici di Irpinianews un cordiale saluto da Claudio De Vito che vi racconterà con il live testuale Palermo-Avellino direttamente dallo stadio “Renzo Barbera”. Lupi a caccia dell’impresa salvezza nella tana dei rosanero in crisi di risultati per quello che può essere definito il derby degli assenti, sette per parte.