Calcio – Avellino, che carattere a Livorno: Comi replica a Trotta. Rivivi il live

Calcio – Avellino, che carattere a Livorno: Comi replica a Trotta. Rivivi il live

11 ottobre 2015

L’Avellino cerca la svolta al momento negativo in campionato contro Livorno che ha frenato nelle ultime due partita: il match dei lupi live su Irpinianews.

L’inviato a Livorno, Claudio De Vito

SECONDO TEMPO

45’+7′ – Finisce il match con l’Avellino che strappa un punto d’oro a Livorno. Alla rete di Trotta risponde il rigore dell’ex Comi. Risposta convincente sotto il profilo del temperamento da parte dei lupi che ora guardano al futuro con maggiore fiducia.

45’+6′ – Ammonito Visconti per l’Avellino

45’+4′ – Ammonito il neo entrato Kukoc, il più esagitato in un capannello di uomini in area a gioco fermo

45’+2′ – Acuto biancoverde con Jidayi. Break al limite del centrocampista ex Juve Stabia che entra di forza in area e scarica il destro sull’esterno della rete all’altezza del palo vicino.

45′ – Lungo recupero concesso dall’arbitro: 6 i giri di lancette ancora da giocare.

43′ – Continua il duello Frattali-Pasquato con il fantasista che carica il sinistro da fuori sugli sviluppi di un angolo ma trova la pronta risposta del portiere irpino. L’Avellino stringe i denti, mentre nel Livorno esce Comi ed entra Bunino.

40′ – Doppio cambio per il Livorno: escono Luci  e Aramu per far posto a Jelenic e Kukoc.

39′ – Rea frana su Comi al limite, la palla giunge a Pasquato che appena dentro l’area cerca il palo vicino trovando però il fondo di pochi centimetri. Brividi per l’Avellino.

35′ – Nervi tesi tra gli amaranto con capitan Luci a farne le spese finendo nella lista dei cattivi.

33′ – Espulso Moscati per proteste. Minelli ristabilisce la parità numerica al “Picchi”.

30′ – Ultimo cambio tra le fila dell’Avellino dove Tavano abbandona il campo tra i fischi per lasciare il posto a Giron. Lupi più coperti col 4-4-1 nel quale Trotta funge da riferimento avanzato.

26′ – Pasquato è indemoniato. Il folletto amaranto calcia dal limite indisturbato col sinistro, Frattali si distende alla sua sinistra e devia verso l’esterno, Schiavone tenta di avventarsi sulla sfera praticamente sulla linea di fondo ma è in fuorigioco.

19′ – Spallata decisa di Visconti a Pasquato solo in area davanti a Frattali, l’arbitro lascia proseguire ma la sensazione è che fosse molto più rigore rispetto alla circostanza precedente.

18′ – L’Avellino fa quel che può in inferiorità numerica contro un Livorno che preme sull’acceleratore dopo aver acquisito il pareggio.

15′ – Tiro ad incrociare col sinistro di Pasquato dai 18 metri, Jidayi lo sporca ma Frattali è attento.

14′ – Ancora un giallo per l’Avellino: è Rea a finire sul taccuino dei cattivi per un fallo a centrocampo.

12′ – Il pareggio amaranto è giunto su una clamorosa svista arbitrale. Biraschi infatti intercetta col petto l’appoggio di Pasquato. Avellino penalizzato.

10′ – Avellino con l’uomo in meno. Tesser corre ai ripari inserendo un difensore, Nitriansky, al posto di Soumarè, in campo soltanto una manciata di minuti. Lupi col 4-3-2.

9′ – Dal dischetto va Comi, Frattali intuisce alla sua destra ma l’ex biancoverde trasforma il penalty portando i suoi sull’1-1,

7′ – Calcio di rigore per il Livorno ed espulsione per Biraschi reo di aver colpito in area la palla con il braccio destro su tocco ravvicinato di Pasquato. Il difensore protesta

6′ – Biraschi carica il destro dalla distanza decentrato sulla destra, il tiro è velleitario e sorvola la traversa con Pinsoglio che battezza la sfera sul montante.

5′ – Il gioco ristagna a metà campo con le due squadre che si affidano a lanci lunghi.

1′ – Al via la seconda parte di gara con la novità Soumarè al posto di Insigne infortunatosi a fine primo tempo.

PRIMO TEMPO

45’+2′ – Termina la prima frazione con l’Avellino in vantaggio qui al “Picchi”. Decide per il momento il piattone destro di Marcello Trotta, già man of the match dell’incontro dello scorso febbraio.

45’+1′ – Entra Soumarè per Insigne.

45′ – Due minuti di recupero. Problemi tra caviglia e collo del piede sinistro per Insigne che zoppica vistosamente all’uscita dal campo.

44′ – Giallo anche per Insigne per uno sgambetto ai danni di Aramu. Lo scugnizzo biancoverde si è anche infortunato: si riscalda Soumarè pronto ad entrare.

38′ – Livorno pericoloso con Comi. Gasbarro va via a Biraschi sull’out mancino, il cross in mezzo per l’acrobazia di Comi che impatta bene ma calcia centralmente tra le braccia di Frattali.

37′ – Cartellino giallo per Biraschi reo di aver detto qualcosa di troppo a Pasquato, finito a terra per un presunto contatto.

35′ – Pressing alto adesso da parte dei biancoverdi che coprono tutte le zone del campo aggredendo i portatori di palla.

32′ – Ancora un calcio piazzato, dai 23 metri, che Aramu indirizza a lato. Fiacca la conclusione dell’ex Trapani, ma l’Avellino ha arretrato troppo il baricentro dopo il vantaggio.

29′ – Punizione dai 25 metri del solito Pasquato che fa il solletico a Frattali il quale non ha problemi ha bloccare in presa facile.

28′ – Pasquato ancora al tiro, questa volta col sinistro, quasi in posizione fotocopia rispetto al precedente spunto. La palla è preda di Frattali sul primo palo. Il fantasista ex Pescara è l’unico a provarci tra le fila dei labronici.

27′ – I padroni di casa hanno accusato il colpo e non riescono ad oltrepassare la metà campo con trame lineari.

23′ – Implacabile la goal-scoring machine biancoverde assistita alla perfezione da un Tavano nelle vesti di rifinitore dalla linea di fondo.

21′ – Avellino in vantaggio! Assist di Tavano dal fondo per Trotta che piazza la palla alle spalle di Pinsoglio con un rigore in movimento! Curva Nord livornese zittita, terzo centro per Trotta ma soprattutto Avellino sull’1-0!

19′ – Piazzato di Schiavone dalla destra per il terzo tempo di Aramu che spedisce a lato di testa indirizzando sul palo lungo.

18′ – Avellino in difficoltà sulla sua sinistra dove anche Aramu ha iniziato a spingere.

15′ – Ritmi piuttosto blandi qui al “Picchi” dove entrambe le formazioni faticano a costruire gioco.

Gli oltre 400 sostenitori irpini assiepati nel settore ospiti

Gli oltre 400 sostenitori irpini assiepati nel settore ospiti

11′ – Il Livorno insiste molto sulla destra dove Moscati si alza spesso e volentieri creando apprensione a Visconti.

9′ – Molti errori da una parte e dall’altra negli appoggi in questa prima fase di gara.

8′ – Iniziano i cori offensivi all’indirizzo di Tavano da parte della Curva Nord amaranto.

7′ – L’Avellino tiene bene il campo con l’assetto operaio. Equilibrio sostanziale sul terreno di gioco.

2′ – Lupi subito aggressivi: imbucata di Jidayi per vie centrali lunga per Tavano, Ceccherini alleggerisce indietro di testa e per poco non sorprende Pinsoglio.

1′ – L’arbitro fischia l’inizio del match al “Picchi” da dove vi stiamo raccontando in diretta testuale la trasferta dei lupi. Sulla destra difensiva gioca Biraschi tra le fila biancoverdi. Circa 6.000 gli spettatori sugli spalti.

0′ – Dubbi sul ruolo di terzino destro nella difesa biancoverde. Rea in passato ha ricoperto il ruolo di laterale basso, ma potrebbe essere Biraschi a ricoprire il ruolo per arginare il dinamismo di Pasquato. La disposizione sul terreno di gioco chiarirà tutto.

taccone-livorno-avellino

La dirigenza biancoverde a Livorno composta dal direttore generale Massimiliano Taccone, dal direttore sportivo Enzo De Vito e dal dirigente Gianfranco Galasso.

Spedito momentaneamente sul fondo della classifica dal blitz del Novara a Vercelli, l’Avellino va a caccia della svolta nella Livorno che nella scorsa stagione fece da teatro all’apice dell’annata biancoverde. Otto mesi dopo lo scenario è totalmente cambiato con i lupi in difficoltà in virtù di un avvio di stagione deficitario sul piano dei risultati. Attilio Tesser torna al rombo e sorprende ancora, proponendo una novità assoluta a difesa. A destra, infatti, dovrebbe giocare uno tra Rea e Biraschi che scalza sia Nica, non al meglio, e Nitriansky, ancora una volta bocciato. A centrocampo, largo ai muscoli e al fiato di D’Angelo e Arini, interpreti del concetto di quantità portato alle estreme conseguenze ai lati di Jidayi. In avanti il tandem Trotta-Tavano, quest’ultimo fischiato al suo ingresso sul terreno di gioco, con Insigne nelle vesti di suggeritore alle loro spalle. Nel Livorno, Panucci deve rinunciare a Vantaggiato, Fedato e Vajushi in avanti e allora si affida al tridente con Comi riferimento centrale e Pasquato e Aramu a spalleggiare l’ex ariete dei lupi. Moscati viene arretrato sulla corsia di destra in difesa per sopperire alle contemporanee assenze dei nazionali Maicon e Calabresi. Schiavone è il faro di centrocampo con la new entry Biagianti e capitan Luci interni.

Livorno – Avellino 1-1

Livorno (4-3-3): Pinsoglio; Moscati, Ceccherini, Lambrughi, Gasbarro; Luci (41′ st Jelenic), Schiavone, Biagianti; Aramu (41′ st Kukoc), Comi (43′ st Bunino), Pasquato.

A disp.: Ricci, Gonnelli, Morelli, Palazzi, Vergara, Cazzola.

All.: Christian Panucci.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Biraschi, Rea, Ligi, Visconti; D’Angelo, Jidayi, Arini; Insigne (46′ pt Soumarè, 9′ st Nitriansky); Trotta, Tavano (30′ st Giron).

A disp.: Offredi, Mokulu, Zito, Bastien, Chiosa, Napol.

All.: Attilio Tesser.

Arbitro: Daniele Minelli della sezione di Varese.

Guardalinee: Marco Citro della sezione di Battipaglia e Riccardo Di Fiore della sezione di Aosta.

Reti: 21′ pt Trotta (A), 9′ st Comi (L).

Note: angoli 4-2; ammoniti al 44′ pt Insigne (A) per gioco scorretto, al 14′ st Rea (A) per gioco scorretto, al 35′ st Luci (L) per gioco scorretto, al 49′ st Kukoc (L) per gioco scorretto, al 51′ st Visconti (A) per gioco scorretto; espulsi al 7′ st Biraschi (A) per somma di ammonizioni e al 33′ st Moscati (L) per proteste; recuperi 2′ pt e 7′ st.