L’Italia dei Valori, l’ambizione: un Parlamento ‘senza macchia’

12 marzo 2006

L’Italia dei Valori scende in campo in nome della libertà, dell’uguaglianza, della giustizia. E ancora. Delle pari opportunità, dell’autogoverno, della solidarietà, della sussidiarietà, della responsabilità e dell’europeismo. Ma quella di Di Pietro vuole essere soprattutto l’Italia della politica. Quella pulita. E così il numero uno di Tangentopoli annovera tra i suoi persone ‘senza macchie’. Gli obiettivi sono ambiziosi: un Parlamento senza condannati e un Paese che sia sinonimo di modernizzazione. Un traguardo che passa inevitabilmente attraverso tasselli importanti: le riforme istituzionali, la politica di integrazione dell’Italia in Europa, l’opera di Mani Pulite, il lavoro, la dignità e la vera informazione. Nella circoscrizione Campania 2 saranno 29 i candidati: Antonio Di Pietro, Giuseppe Astore, Americo Porfidia, Michele Giuseppe Raviotta, Francesco Petrillo, Luciano Ceccacci, Angela Maria Zeoli, Angelina Cuccaro, Raffaela Scognamiglio, Emiliana Ventre, Luca Alvino, Oreste Attisani, Generoso Cecere, Michele Cerola, Antonio Colucci, Francesco Conte, Espedito De Marino, Domenico Di Felice, Salvatore Geremia, Vincenzo Ingenito, Pietro Lo Greco, Ciro Loreto, Angelo Marasco, Roberto Massi, Pasquale Morbillo, Francesco Musto, Ferdinando Piscitelli, Bartolomeo Rossi e Alfonso Tirone. Per il Senato: Sergio De Gegorio, Carmine De Luca, Antonio Gagliardi, Gianpiero Vincenzo, Rosaria Anita Lina Elisa Sala, Raffaele Scala, Angelo Palladino, Gennaro Silvestro, Gerardo Guida, Michele Chiavazzo, Angelo Altieri, Biagio Biancardi, Antonio Chiazzo, Gaudioso Capecelatro, Aniello D’Angelo, Alfredo Di Donato, Anselmo Josè La Manna, Michele La Rocca, Giovanni Marino, Andrea Mastroianni, Giovanni Nicolini, Giovanni Occhiello, Luigi Passariello, Luciano Pastore, Pasquale Pezzullo, Maria Rosaria Russo, Giuseppe Salvati, Vincenzo Scherma, Federico Schiavo e Alfredo Tagliatatela.