L’Irpinia è piena di conventi chiusi, Papa Francesco: “Dateli ai rifugiati”

L’Irpinia è piena di conventi chiusi, Papa Francesco: “Dateli ai rifugiati”

18 febbraio 2016

“A cosa servono alla Chiesa i conventi chiusi? I conventi dovrebbero servire alla carne di Cristo e i rifugiati sono la carne di Cristo”. A dirlo è Papa Francesco, durante il suo discorso nel centro Astalli, gestito dai Gesuiti per ospitare i migranti. “I conventi vuoti non servono alla Chiesa per trasformarli in alberghi e guadagnare i soldi”, ha aggiunto il pontefice.

L’irpinia è disseminata su tutto il suo territorio di conventi chiusi o poco utilizzati, strutture imponenti, molte ristrutturate di recente con fondi anche pubblici. Da Mercogliano a Gesualdo passando per Carpignano (Grottaminarda) fino a Caposele e Montella, noi abbiamo fatto una mappa molto dettagliata con una verifica sulle disponibilità dei posti letti (enorme). Non vogliamo mettere in difficoltà nessuno, ma è giusto chiedere alle associazioni ed agli ordini religiosi che gestiscono queste strutture una presa di coscienza e di responsabilità in respetto dei propri fini religiosi,apriamo un confronto serio su questo dramma e facciamo tutti fino in fondo il nostro “mestiere”.

Questo si evince dalla nota di Giovanni Villani (CGIL).