Lettera aperta ai sindaci dalla Uil: “Ancora nubi nere sui trasporti per le comunità del Baianese”

Lettera aperta ai sindaci dalla Uil: “Ancora nubi nere sui trasporti per le comunità del Baianese”

4 giugno 2019

“Lo stato di incertezza dell’offerta dei servizi EAV sulla tratta Napoli Baiano, non abbisogna certamente di ulteriori “attentati” più di quelli che sono stati consumati negli anni ad una tratta ferroviaria che ha contribuito negli anni allo sviluppo anche demografico dell’intera area del Baianese.
In un momento in cui il Gruppo EAV sembra riavviato allo sviluppo sistemico dell’offerta, fortemente ridotta e condizionata da pregressi disastri organizzativi ed economici, arriva la mannaia della ANSF che potrebbe obbligare la riduzione” ulteriore” delle corse non per limiti organizzativi ma per modificate richieste di livelli di servizio” così il segretario generale Cst Uli Avellino-Benevento, Luigi Simeone.

“Ma andiamo per gradi – prosegue – non è successo nulla di grave per richiedere dal 1 Luglio 2019 nuovi livelli di sicurezza dell’esercizio, solo che il passaggio delle competenze da USTIF a ANSF (deciso dal precedente Governo dopo i fatti di Andria), richiede per le Ferrovie Secondarie non connesse al sistema RFI, strumenti di controllo come SCMT (Sistema Controllo Marcia Treni) presenti sul sistema nazionale e parimenti richiesti anche al sistema delle ferrovie concesse”.

“Premesso che non vi è un problema di sicurezza che nascerebbe nella notte tra Giugno e Luglio – continua Simeone – e che è sempre utile fare di più per la sicurezza del sistema Ferroviario, che in EAV è dotato di strumenti avanzati e non riconducibili ad altre realtà ( che hanno vissuto tragedie che non devono mai ripetersi) riteniamo che un’applicazione tout court della norma senza fondi e un ragionevole lasso di tempo per essere concretizzata, non è sostenibile per una comunità che vedrebbe ridotta la velocità sulla tratta del 20% con una riduzione del numero dei treni insostenibile, questa si che metterebbe a rischio la sicurezza di Lavoratori e viaggiatori che non troverebbero un numero sufficienti di treni che già ora non riescono ad evadere dignitosamente la domanda”.

“Facciamo appello a i Sindaci per intraprendere ogni strada comune che scongiuri questo scempio, facendo tutto quanto e nelle loro possibilità per ripristinare i collegamenti che hanno caratterizzato la vita delle comunità e che non possono sopportare altri tagli, ne fantasiose ipotesi di Metropolitane Leggere pur in discussione. Potenziamo la linea esistente con il raddoppio della tratta Nola Baiano, messa in sicurezza del tracciato e aumento del numero dei Treni …… il resto è isolamento e tagli che vanni avversati in tutti i modi e in tutti i luoghi. Rendendoci fin d’ora disponibili ad un’azione comune ed in attesa delle iniziative che potreste comunemente indire sul territorio” conclude il segretario Uil Luigi Simeone.