Le proprietà dell’olio extravergine di oliva anche contro il diabete

Le proprietà dell’olio extravergine di oliva anche contro il diabete

18 febbraio 2016

Tra gli alimenti più rilevanti della cultura gastronomica italiana, in particolare del Sud Italia, l’olio di oliva tra i suoi meriti si prende anche quello di essere un alleato contro il diabete, riducendo i picchi glicemici.

La ricerca questa volta è completamente “made in Italy” e giunge da un gruppo di ricercatori della Società Italiana di Diabetologia (Giovanni Annuzzi e Lutgarda Bozzetto) in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli (Angela Rivellese) e pubblicato online sulla rivista “Diabetes Care”, organo ufficiale dell’ “American Diabetes Association”.

Lo studio si è focalizzato sulle proprietà di uno degli alimenti principe della Dieta Mediterranea, base della maggior parte delle preparazioni e dei condimenti della tradizione culinaria italiana, soprattutto meridionale. La ricerca ha infatti dimostrato come condire gli alimenti con olio extravergine d’oliva possa aiutare a tenere a bada le eventuali impennate della glicemia dopo i pasti nei soggetti affetti da diabete di tipo 1.

Lo studio dimostra come l’uso dell’olio extravergine d’oliva contribuisca non solo a migliorare il controllo del diabete ma anche a proteggere l’apparato cardiocircolatorio dalle complicanze che questa patologia può comportare. Nel dettaglio, se aggiunto agli alimenti riduce l’indice glicemico dei pasti, ovvero le impennate post-prandiali della glicemia, e può giocare un ruolo fondamentale nella protezione dei pazienti dalle complicanze cardiovascolari e microvascolari che il diabete provoca.

Le oscillazioni glicemiche in seguito a un pasto si traducono in molti casi in impennate quando si consumano cibi dotati di un indice glicemico elevato. Le attuali linee guida per il trattamento del diabete di tipo 1 raccomandano di calcolare le unità di insulina da somministrare ai pasti principali basandosi sul contenuto di carboidrati degli alimenti che verranno consumati. Questo sistema, tuttavia, non si rivela sempre efficace nel tenere sotto controllo in maniera ottimale la glicemia.

Nell’olio extravergine di oliva, in particolare, viene dunque identificato il condimento ideale nelle diete alimentari più varie e per ogni età, e non solo per chi soffre di diabete. La sua assunzione aiuta a combattere tutti i fattori di rischio cardiovascolare che sono oggi largamente diffusi nelle persone, a partire dai giovani adulti e non più solo nelle persone di mezza età.

I benefici derivanti dall’olio extravergine di oliva dipendono soprattutto dal tipo di grassi in esso contenuti, in gran parte insaturi, a differenza di quelli presenti in alimenti come burro o panna. Le sue proprietà, inoltre, sono rinvenibili anche nell’elevato contenuto di altri composti bioattivi come i polifenoli, che esercitano una funzione antiossidante, utili anche nella prevenzione dell’arteriosclerosi.