Le osservazioni al Ptcp per ridare vigore all’Avellino-Rocchetta

6 giugno 2013

Avellino – La Provincia di Avellino ha ritenuto di dover accogliere alcune delle Osservazioni al redigendo Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale presentate dall’associazione In_Loco_Motivi che da tempo si batte senza sosta per la tratta ferroviaria dell’Avellino Rocchetta. Nelle controdeduzioni allo strumento urbanistico provinciale, Palazzo Caracciolo spinge per la promozione di un percorso di interesse storico, enogastronomico, artistico e paesaggistico di valenza territoriale lungo il tracciato ferroviario in questione.
Palazzo Caracciolo non esclude la possibilità di far convivere l’ipotesi di un ripristino anche parziale della tratta sia come tragitto turistico che come mezzo tradizionale di trasporto pubblico, ripristinando alcune corse.
Da approfondire sarà il tema dei costi per rimettere in attività la strada ferrata. Da Rfi la previsione è assai elevata (60 milioni di euro) per il ripristino e la messa in sicurezza. Ma si tratta di un importo relativo a tutti i 120 chilometri della strada ferrata.