Le dichiarazioni del generale Mori a Irpinianews nell’editoriale di Travaglio

Le dichiarazioni del generale Mori a Irpinianews nell’editoriale di Travaglio

6 dicembre 2018

Le dichiarazioni rilasciate dal generale Mario Mori a Irpinianews finiscono nell’editoriale di Marco Travaglio. “Memento mori” (letteralmente ricordati che devi morire) il titolo dell’articolo del direttore de “Il Fatto” che prende spunto dalle parole del generale dei carabinieri in pensione, già comandante del Ros e direttore del Sisde, rilasciate pochi giorni fa a Serino, in occasione di un incontro sulla legalità organizzato dal locale istituto comprensivo.

 

“Io mi curo per vivere a lungo, perchè devo vedere morire qualcuno dei miei nemici”, disse in un passaggio il generale condannato in primo grado a 12 anni.

“In Rete -scrive Travaglio – circola il video dio Irpinianews, rilanciato da Antimafia Duemila, dell’ex generale intervistato all’uscita dell’Istituto Comprensivo di Serino insieme al correllatore e coimputato De Donno, il suo ex braccio destro”.

In quell’intervista Mori non nascose amarezza e risentimento. “Accetto il giudizio di una Corte di Assise e accetto che un pm svolga pienamente il suo lavoro anche contro di me”, scrive ancora Travaglio, sempre prendendo a prestito le parole rilasciate da Mori ai nostri microfoni.

“Ma non accetto che un pm, dopo il giudizio, continui a parlare di questo argomento, perchè la sua non è più una funzione impersonale, ma diventa qualcosa di personale”.

Il commento di Travaglio è a corredo di un articolo di Lo Bianca e Rizza in cui si riportano ancora le dichiarazioni del generale e si parla apertamente di anatema lanciato dall’ex direttore del Sisde.