Lavoratore in nero, abusivismo edilizio e deposito di rifiuti: nei guai impreditore

Lavoratore in nero, abusivismo edilizio e deposito di rifiuti: nei guai impreditore

18 novembre 2019

Nell’ambito di servizi finalizzati alla tutela dell’ambiente ed al contrasto dell’abusivismo edilizio, i Carabinieri della Stazione di Montella, a conclusione di mirati accertamenti avviati unitamente a Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino nonché a personale dell’Ispettorato del Lavoro e dell’Ufficio Tecnico Comunale, hanno denunciato il titolare di un’azienda agricola di Montella, ritenuto responsabile dei reati di “Abbandono e deposito incontrollati di rifiuti sul suolo”, “Attività di gestione di rifiuti non autorizzata”, “Realizzazione opere abusive in aree tutelate per legge” e “Lavoro irregolare”.

In particolare, l’accesso ispettivo all’azienda ha permesso di accertare la gestione illecita dei rifiuti (pneumatici, materiale edile di risulta, asfalto, materiale plastico), in parte derivanti dal ciclo di produzione (rifiuti vegetali, letame e reflui zootecnici), abbandonati in materia indiscriminata sul suolo; la realizzazione di un ampliamento del piazzale adiacente la concimaia e la stalla, in assenza delle necessarie autorizzazioni e senza rispettare la distanza minima prevista dal fiume Calore (zona tutelata perché di interesse paesaggistico); l’impiego “in nero” di un lavoratore che, da accertamenti svolti, non risultava essere stato assunto regolarmente.

A carico dell’imprenditore è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

L’area interessata, avente una superficie di circa 300 metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro e, per la classificazione e la campionatura dei rifiuti, è stato richiesto l’intervento di personale specializzato dell’A.R.P.A.C..