Lauro – Tentata truffa alle Poste, nei guai due donne

21 luglio 2006

Lauro – Nell’ambito di intensificati servizi di prevenzione e controllo del territorio disposti dal Questore di Avellino, Vittorio Rochira, il personale del Commissariato di Lauro ha tratto in arresto, in flagranza di reato, Assunta Migliatico, 25enne del napoletano, ed ha denunciato in stato di libertà la complice B.L.M. 49enne della provincia di Salerno, entrambe incensurate e residenti a Castelvolturno. Erano le 12.30 circa quando la direttrice dell’Ufficio Postale di Lauro e l’addetta allo sportello sono state insospettite da una sconosciuta che aveva esibito un codice fiscale ed una patente di guida appartenenti ad una persona residente a Lauro. I documenti, infatti, erano necessari per ottenere il pagamento di un Bonifico domiciliato di prestazioni temporanee, del valore di 1220 euro: una indennità dell’Inps attribuita ai lavoratori del settore agricolo per fasi di malattia avute nel corso del periodo di lavoro. Le impiegate, insospettite, hanno lanciato l’allarme e sul posto si sono recati gli agenti della Polizia. La donna, ancora nell’ufficio, nella convinzione di essere passata inosservata, ha tentato furtivamente di allontanarsi riuscendo ad arrivare all’ingresso. È stato solo grazie all’intervento degli agenti, vigili nell’osservare quanto stava accadendo, se la 25enne è stata bloccata e non è riuscita a raggiungere la complice che attendeva all’esterno. Subito entrambe sono state trasportate presso il Commissariato di Polizia di Lauro. Nel corso dei controlli Assunta Migliatico è stata trovata in possesso di un bonifico Inps intestato ad una bracciante di Lauro e di una patente falsa su cui era stata apposta la foto della stessa. L’effettiva titolare del titolo di credito, nel frattempo opportunamente rintracciata, aveva infatti dichiarato di essere in attesa del bonifico mai pervenuto.La Migliatico, dunque, è stata tratta in arresto per i reati di tentata truffa in concorso ai danni di un Ente dello Stato mediante tentativo di incassare somme destinate ad un’altra persona. La donna è stata associata presso la Casa Circondariale di Avellino a disposizione dell’autorità giudiziaria.