Lanciano-Avellino, le probabili formazioni: Tesser lancia Castaldo dal primo minuto

Lanciano-Avellino, le probabili formazioni: Tesser lancia Castaldo dal primo minuto

2 agosto 2015

La terza settimana di preparazione dell’Avellino al campionato di Serie B 2015/2016 va in archivio questa sera con la sfida del “Guido Biondi” contro la Virtus Lanciano valevole per la quarta edizione del Trofeo “Guglielmo Maio”. I biancoverdi saranno protagonisti per la terza volta in quella che oramai è diventata una classica del calcio estivo cadetto.

Nel 2013, i lupi dovettero cedere il passo di misura per effetto della rete di Mammarella, mentre lo scorso anno la squadra dell’allora tecnico Rastelli riuscì a spuntarla ai calci di rigore (14-13 dopo il 3-3 dei tempi regolamentari). Agli albori, nel 2012, i frentani ospitarono il Bari che si impose ai tiri dal dischetto per 4-2 dopo lo 0-0 maturato al 90′.

Numeri e risultati che contano per le statistiche e non certamente per Attilio Tesser giunto al confronto con un avversario di pari categoria al culmine di una settimana intesa sul piano atletico. La Virtus di Roberto D’Aversa è ancora un cantiere, ha perso elementi del calibro di Cerri e Thiam (rimpiazzati da Iemmello e Lanini) in attaccco e di Troest in difesa, ma resta un osso duro del torneo cadetto da tre annate a questa parte.

Il 4-3-3 frentano è linfa per i piani difensivi di Tesser che, dopo il 4-2-3-1 dell’Espanyol fronteggiato mercoledì, avrà ancora l’occasione di vedere all’opera la linea a quattro contro un modulo capace di mettere a dura prova il reparto arretrato con l’ampiezza e la pericolosità sugli esterni. Sotto esame soprattutto il lato destro occupato da Nitriansky che sta cercando di superare i problemi di ambientamento e le difficoltà comunicative con il resto della squadra. Tesser ne sta apprezzando gli sforzi e si aspetta da lui una prestazione all’altezza già questa sera.

Sul lato opposto potrebbe esserci spazio per il francesino Maxime Giron che si è consacrato proprio in Abruzzo a due passi da Lanciano, con la maglia del Chieti in Serie B. In mezzo scontata la conferma di Biraschi per via del forfait di Rea, mentre al suo fianco Ligi potrebbe cedere il posto a Chiosa. A difesa dei pali possibile chance per il vice di Frattali, il gigante Offredi.

A centrocampo, scelte piuttosto obbligate per il trainer veneto che non può disporre dei lungodegenti D’Angelo e Togni e dell’ultimo arrivato Jidayi in ritardo di condizione, mentre Zito non ha tanti minuti nelle gambe. Ecco allora che la rotazione minima potrebbe favorire la promozione a titolare del baby Guido D’Attilio che col passare dei giorni sta guadagnando consensi, soprattutto dopo l’ottimo impatto avuto contro l’Espanyol in uscita dalla panchina. L’ex Agropoli e Aversa Normanna potrebbe trovare spazio sull’interno destro con Gavazzi dirottato a sinistra e Arini confermato davanti alla difesa.

Dalla trequarti in su, spazio a qualche esperimento con la certezza della titolarità di Castaldo. Per il bomber di Giugliano infatti sarà l’ultima apparizione prima di affrontare il digiuno di partite imposto dalla stangata inflittagli per il caso Nocerina. In coppia con lui potrebbe giocare Mokulu, che Tesser vuole conoscere meglio con il connazionale Soumarè a supporto in luogo di Insigne. Non è escluso che Tesser opti a gara in corso per la variante tattica del 4-3-3 che consente di sfruttare il potenziale tecnico dello stesso Insigne e di Tutino nel tridente.

D’Aversa non ha grossa scelta in difesa e a centrocampo. Davanti ad Aridità, la linea dei difensori dovrebbe essere composta da Aquilanti, Penna, Amenta e Mammarella. In mediana, Paghera non è al meglio e allora spazio al trio Vastola-Bavinovic-Di Cecco. Anche Piccolo è a mezzo servizio, pertanto nel tridente dovrebbero trovare spazio l’ex Crotone e scuola Juve Padovan con il figlio d’arte Di Francesco – il padre Eusebio è il tecnico del Sassuolo – e De Silvestro ai suoi lati.

Gli abruzzesi sono reduci dal 14-0 ad una rappresentativa locale e dal 2-1 in rimonta rifilato al Latina venerdì scorso in occasione del primo match organizzato dalla Media Sport Event, che ha fatto registrare 327 paganti a causa dei prezzi dei tagliandi che hanno scatenato la reazione della tifoseria rossonera. La soglia di presenze sembra destinata a salire in virtù della politica al ribasso praticata in tutti i settori. In quello riservato agli ospiti ci saranno circa cento tifosi irpini.

Le probabili formazioni del Trofeo “Guglielmo Maio” in programma questa sera alle 20:30:

Virtus Lanciano (4-3-3): Aridità; Aquilanti, Penna, Amenta, Mammarella; Vastola, Bacinovic, Di Cecco; Di Francesco, Padovan, De Silvestro.

A disp.: Casadei, Boldor, Di Filippo, Nunzella, Verna, Paghera, Piccolo, Iemmello, Turchi, Fofana, Di Benedetto, Lanini.

All.: Roberto D’Aversa.

Avellino (4-3-1-2): Offredi; Nitriansky, Biraschi, Chiosa, Giron; D’Attilio, Arini, Gavazzi; Soumarè, Castaldo Mokulu.

A disp.: Frattali, Bianco, Tutino, Tavano, Zito, Visconti, Ligi, Schiavon, Insigne, Jidayi, Trotta.

All.: Attilio Tesser.

Arbitro: Vincenzo Ripa della sezione di Nocera Inferiore.

Guardalinee: Oreste Muto della sezione di Torre Annunziata e Giovanni Pentangelo della sezione di Nocera Inferiore.