L’Acs è salva, Foti: “Insieme a Teatro e Bilancio, lascio una situazione più chiara al mio successore”

L’Acs è salva, Foti: “Insieme a Teatro e Bilancio, lascio una situazione più chiara al mio successore”

13 aprile 2018

Marco Imbimbo – Via libera alla ricapitalizzazione e al nuovo piano d’impresa di Acs. La Giunta comunale approva i due documenti e mette un importante punto fermo sul futuro di Avellino Città Servizi, scongiurando l’ipotesi del fallimento anche se, l’ultima parola, spetterà al consiglio comunale, che potrebbe essere calendarizzato già per il prossimo venerdì.

A portare i due documenti in Giunta ci hanno pensato il sindaco, Paolo Foti, e l’assessore alle Partecipate, Arturo Iannaccone. Il Comune, dunque, si prepara a chiudere anche questa pagina. «Non possiamo che essere soddisfatti di un lavoro enorme che è stato fatto – sottolinea Foti. Ci siamo ritrovati con Teatro e Acs, due delle situazioni più critiche dopo quella finanziaria del Comune di Avellino. E’ stato fatto un lavoro importante dall’amministratore Acs, Giovanni Greco, al quale vanno i miei ringraziamenti, perché il nuovo piano industriale è un lavoro fatto da lui, per il suo senso di responsabilità. Avremmo dovuto affidarlo all’esterno, pagando fior di quattrini, invece Greco lo ha fatto gratis, prendendo a cuore la vicenda».

Gli atti relativi al futuro e alla salvezza del Teatro arriveranno lunedì in consiglio comunale, in seconda convocazione, dopo il flop della prima di oggi, poi spetterà al Previsionale, approvato in mattinata dalla giunta comunale. In mezzo ci sarà la discussione su Acs. «Ora chiudiamo il cerchio – spiega Foti. Con l’approvazione anche del bilancio di Previsione triennale 2018-20 io vado via sereno, tranquillo di aver trasferito alla prossima amministrazione una condizione meno difficile di quella che ho trovato».

Ad entrare nel merito dei due documenti relativi all’Acs, ci pensa l’assessore Iannaccone. «Abbiamo provveduto a ricapitalizzare l’azienda con la somma relativa di 782 mila euro, che serve a ripianare il deficit del bilancio 2015. Ciò è stato possibile sulla scorta di due bilanci positivi, 2016 e 2017, che hanno comportato, rispettivamente, un utile di 118 mila euro e 50 mila euro».

Non solo ricapitalizzazione, perché contestualmente la giunta ha approvato anche il nuovo piano d’impresa di Acs. «Con questa delibera – spiega Iannaccone – diamo mandato per approvare un contratto di servizio esclusivamente per la sosta. Poi si farà uno studio per valutare l’efficacia, l’efficienza e la convenienza per la gestione della guardiania. In questo caso si farà un secondo contratto di servizio relativo a questa mansione. Per poter effettuare l’affidamento diretto, l’Acs sarà iscritta nell’apposito albo dell’Anac e ha i requisiti per entrarvi».


Commenti

  1. […] Il via libera è arrivato questa mattina dalla giunta comunale e riguarda un documento finanziario che dovrà fare i conti con 8 milioni di euro di debiti fuori bilancio, «tutti provenienti dalle vecchie amministrazioni», sottolinea Iaverone, ma anche con una serie di entrate importanti «a vantaggio di chi verrà dopo di noi», precisa l’assessore. E poi ci sono anche i numeri che riguarda il futuro di Teatro e Acs. «All’interno della sezione “strategica” del Previsionale c’è la definizione di queste due vicende molto importanti – spiega Iaverone. Oltre al Teatro e alla sua liquidazione, è stata inserita anche la ricapitalizzazione dell’Acs, approvata oggi in Giunta». […]