Laceno d’Oro, due anteprime di film da non perdere

29 agosto 2014

Due anteprime nell’ultimo venerdì di agosto del Laceno d’Oro, pronto ancora ad accogliere il suo pubblico con eventi di ampio respiro culturale. Gli inglesi Demdike Stare saranno i protagonisti della serata odierna al Laceno d’Oro (ore 21), in collaborazione con il Festival Flussi, in corso di svolgimento al Teatro Gesualdo. Si tratta di uno dei progetti più interessanti nel panorama elettronico attuale che presentano ad Avellino in anteprima nazionale. Il loro è un suono unico: una miscela esoterica di dub, techno, psichedelia, drone e ambient, figlio di una profonda ricerca sonora che trae ispirazione soprattutto dalle colonne sonore di film italiani anni 60 e 70. Di queste pellicole sia Sean Canty che Miles Whittaker sono grandi appassionati: tra i compositori che prediligono ci sono Bruno Nicolai, Ennio Morricone (vedi i lavori per Dario Argento e Lucio Fulci) e Piero Umiliani. I Demdike Stare presenteranno una sonorizzazione dal vivo del film muto “Haxan: Witchcraft Through The Ages” (1922). A seguire, nel cinema panopticon del Carcere Borbonico (22.30), sarà la volta di un’altra anteprima: la proiezione del film “I resti di Bisanzio” di Carlo Michele Schirinzi, che saluterà il pubblico del Laceno d’Oro al termine della proiezione.