La tratta Avellino-Rocchetta si fa in tre: pronti i primi pacchetti turistici

La tratta Avellino-Rocchetta si fa in tre: pronti i primi pacchetti turistici

2 agosto 2018
La tratta Avellino-Rocchetta si fa in tre. La presidente del consiglio regionale Rosetta D’Amelio ha incontrato a Lioni i sindaci irpini per immaginare un progetto turistico condiviso, in grado di tradursi in pacchetti e offerte mirate e un calendario di iniziative legato alla ferrovia irpina. Un passaggio successivo che richiede l’istituzione di una cabina di regia che sintetizzi l’azione di Regione Campania, Fondazione Fs, sindaci e associazioni. Vino, boschi (con borghi e castelli relativi) e Irpinia dell’Est: questi i tre attrattori individuati in prima battuta e intorno ai quali costruire proposte e progetti.
La Regione, come ribadito dalla stessa D’Amelio, ha di fatto investito circa 20 milioni sulla tratta Avellino-Rocchetta. In più è in fase di preparazione il bando per il rifacimento di molte stazioni. Ora si tratta di coinvolgere gli imprenditori per attivare le diverse corse: un impegno che dovrà vedere impegnato in prima linea il territorio competente, le singole amministrazioni interessate.
Per il direttore di Fondazione Fs, Luigi Cantamessa Armati, diventa fondamentale coinvolgere anche la Puglia. “Serve un lavoro sinergico e condiviso. I territori devono diventare protagonisti. La tratta può essere un’esperienza vincente se ben organizzata e ragionata, a servizio delle bellezze territoriali”.