La mensa scolastica finisce davanti al Tar, Mancusi assicura: “Servizio partirà in tempo”

La mensa scolastica finisce davanti al Tar, Mancusi assicura: “Servizio partirà in tempo”

5 settembre 2018

Marco Imbimbo – L’affidamento della mensa scolastica per la nuova stagione sarà una corsa contro il tempo. Il bando è scaduto qualche mese fa, ma l’aggiudicazione non è mai arrivata a causa di ricorsi al Tar presentanti da due ditte escluse.

L’11 settembre ci sarà un primo responso, ma per quello definitivo bisognerà attendere. La settimana prossima, infatti, il Tribunale amministrativo si esprimerà sul primo ricorso arrivato. Subito dopo il Comune, appreso il responso, procederà a un affidamento temporaneo. “Faremo di tutto per non far partire il servizio mensa in ritardo”, annuncia l’assessore all’Istruzione, Michela Mancusi.

Ieri mattina, in Comune, si è tenuto un vertice per definire come muoversi data la situazione particolare, alla fine è stata delineata una strategia per evitare che il servizio mensa nelle scuole non parta in tempo.

Una volta che il Tar si sarà pronunciato sul primo ricorso presentato, il Comune procederà con la valutazione delle offerte arrivate qualche mese fa, inserendo o meno quella della ditta esclusa, a seconda del responso del Tribunale amministrativo.

Verrà selezionata la ditta con la migliore proposta, a cui sarà affidato il servizio mensa per qualche mese. Un affidamento temporaneo in attesa che il Tar si esprima anche sul ricorso presentato dalla seconda ditta esclusa. In questo caso, però, l’udienza non è stata ancora calendarizzata. Ottenuto quel responso e quindi la legittimità o meno della ditta in questione a prendere parte  alla gara indetta dal Comune di Avellino, si passerà all’affidamento definitivo del servizio mensa.

A questo punto le vie diventano due, nel caso in cui il Tar dovesse respingere il ricorso, il primo affidamento temporaneo verrà convertito in definitivo. In caso di accoglimento, allora, bisognerà verificare se l’offerta della seconda ditta esclusa risulta migliore e quindi affidare a lei il servizio mensa.

Da parte dell’assessore Mancusi, però, c’è pieno ottimismo che queste vicende amministrative non inficeranno la partenza del servizio mensa. Lunedì prossimo, infatti, il Comune dovrebbe rendere pubblica la modulistica per l’iscrizione al servizio mensa, con relative fasce di pagamento a seconda del reddito.