La Finanza dona i prosciutti e capi d’abbigliamento sequestrati

21 dicembre 2005

Avellino – Una maxi donazione è stata organizzata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza a favore degli Enti assistenziali ed umanitari presenti non solo nella città capoluogo ma anche in tutta l’Irpinia. Una singolare iniziativa di beneficenza che è stata possibile grazie al provvedimento, emesso dal Sostituto Procuratore Antonella Salvatore, in occasione delle festività natalizie. “Quest’anno, dunque, Babbo Natale donerà tanta merce che i miei uomini – dichiara il Comandante Bartolomeo D’Ambrosio – hanno sequestrato nel corso dei dodici mesi”. Nel sacco di Santa Claus, dunque, centinaia e centinaia di capi d’abbigliamento sottoposti a sequestro in quanto riproduzioni illegali di articoli griffati e oltre cinquecento chilogrammi di prosciutti confiscati perché riportanti marchi contraffatti come quello del prosciutto di “Parma”. “Per rendere possibile l’iniziativa – spiega il Tenente Colonnello D’Ambrosio – si è reso necessario rimuovere uno ad uno, su ogni prodotto, le etichette ed i segni distintivi relativi ai marchi falsi rendendo, dunque, ‘anonima’ la singola merce. Devo ringraziare il Sostituto Procuratore Salvatore in quanto se l’iniziativa di beneficenza è stata possibile lo si deve anche all’operato della Procura che ha adottato un provvedimento che sottraesse alla distruzione tutta la merce sottoposta a sequestro, come prevede la Legge, accogliendo la nostra proposta di donarla ai bisognosi. L’iniziativa, sicuramente unica nel suo genere, infatti per la prima volta è stata adottata dall’Autorità Giudiziaria ed ha destato vivo apprezzamento dei destinatari che hanno espresso ai miei uomini gratitudine sia al Corpo delle Fiamme Gialle che alla Procura”. (di e.b.)