La Cisl incontra i territori per aprire confronto con gli iscritti

19 luglio 2014

Grande partecipazione e affluenza all’iniziativa targata Cisl che si è svolta nel pomeriggio fino a tarda serata di ieri nelle quattro Zone della Cisl IrpiniaSannio : AREA VALLE UFITA-ALTA IRPINIA, AREA VALLE CAUDINA –VALLE TELESINA, AREA VALFORTORE VALLE TAMMARO-MEDIO CALORE, AREA VALLE CAUDINA-VALLE IRNO/SOLOFRANA –VALLE LAURO/BAIANESE.
Soddisfatto dell’appuntamento Mario Melchionna, Segretario Generale Cisl: “È fondamentale consolidare il rapporto con i propri iscritti e socializzare con quanti non conoscono ancora i diversi servizi che la nostra Organizzazione offre – dichiara – Un ringraziamento ai tantissimi Amministratori locali,Sindaci, Assessori e Consiglieri dei Comuni Irpini e Sanniti che hanno preso parte all’ iniziativa promossa dalla Cisl. Tantissime le attività realizzate nel cartellone ‘Cisl incontra’: gazebo allestiti per informare i cittadini sui servizi presenti su tutto il territorio irpino-sannita, mostre d’arte e fotografiche, concorsi di poesia, esibizioni musicali, valorizzazione attraverso la premiazione dei figli/e degli iscritti che si sono distinti nello studio. Momento importantissimo, scopo principale di questo evento di aggregazione e socializzazione è quello del ‘confronto’. A tale scopo, la Cisl ha stilato una Piattaforma di indirizzo strategico : ‘Contratto per la città’ che, ha presentato a tutti i presenti, una base di partenza che vedrà coinvolti i Sindacati, i lavoratori, le imprese, i commercianti, la cittadinanza attiva, l’Associazionismo cittadino, i pensionati, i giovani,le donne, i disabili, gli immigrati e le loro famiglie.
La politica di gestione dell’Amministrazione locale deve diventare concreta ed attuabile – continua il segretario – La Cisl punta in particolar modo su : ‘burocrazia zero’ attraverso la semplificazione delle procedure in materia di appalti, start-up e riavvio di imprese; ‘ricognizione aree disponibili e aree industriali dismesse’ per garantire attrattività degli investimenti; ‘concertazione con le amministrazioni’ per dilazionare o abbattere tariffazioni locali per le nuove imprese e agevolare il credito d’imposta; ‘verifica utilizzo fondi comunitari’ per lo svolgimento di progetti presentati dall’Amministrazione e bloccati dal patto di stabilità; ‘favorire l’accorpamento e l’efficienza delle partecipate pubbliche’ attraverso il dialogo con le istituzioni; ‘concordare con le imprese e gli enti bilaterali un contratto unico di lavoro ’ attraverso l’utilizzo dell’apprendistato, che apporti dei tagli alle diverse spese a carico delle aziende, garantisca formazione per i lavoratori e principalmente aumenti l’ occupabilità”.
” È fondamentale -conclude Melchionna- definire una reale negoziazione sui temi della politica fiscale e tariffaria, del welfare e in primis sullo sviluppo del territorio, interpretando i nuovi bisogni e la nuova domanda sociale, con la partecipazione consapevole delle comunità locali”.