Istituto De Sanctis di Avellino/I marsigliesi in Irpinia, si traccia il bilancio

28 aprile 2005

Avellino / I francesi se ne vanno. Ma lasciano la testimonianza di una grande volontà di ritorno e soprattutto di continuità nel progetto di gemellaggio iniziato lo scorso gennaio con gli alunni e i docenti dell’Istituto Tecnico Agrario, specializzato in Viticoltura ed Enologia, Francesco De Sanctis di Avellino. Lunedì scorso, l’“au revoir” dei marsigliesi è stato accompagnato dai ringraziamenti del dirigente scolastico dell’Agrario, Antonio Cassano, nonché dai saluti di insegnanti ed alunni irpini che non hanno mancato di stringere, come tipico della spontaneità irpina, un profondo legame con gli amici europei. Positivo, per i francesi, il bilancio della sette giorni irpina e campana: lezioni in lingua italiana, visite guidate nelle principali aree attrattive delle cinque province campane e in particolare, in Irpinia, della stazione sciistica in località Laceno. Ancora, gite guidate in alcune aziende della regione, in particolare a Solopaca, e numerose occasioni di assaggio dei nostri prodotti tipici locali, in primis formaggi, funghi, tartufo nero di Bagnoli e vini Doc (come il Fiano prodotto proprio dall’Istituto di Avellino). E l’intento per il prosieguo è proprio quello di continuare ad alimentare l’inestinguibile fiamma dell’interesse e della conoscenza sempre più approfondita e radicata nelle aziende sia francesi che locali potenzialmente collegate dalle reti di questo interessante gemellaggio interculturale, che vede protagoniste scuole intente a sfornare profili spendibili nel marketing territoriale, nel turismo, nella produzione agroalimentare. I settori caldi dello sviluppo irpino. Numerose sono infatti le realtà produttive francesi del campo ricondotte all’Agrario Legta di Aix Valabre, zona situata tra le città di Aix en Provence e Marsiglia. Un’occasione, dunque, di potenziale scambio di cultura e di know how imprenditoriale che per il momento vede la fine delle iniziative in programma per il 2005. Ma la volontà di un ritorno sul campo già a partire dal prossimo anno è davvero forte. (Antonietta Miceli)