Avellino, caos iscrizione: le ultime sul ricorso

Avellino, caos iscrizione: le ultime sul ricorso

16 luglio 2018

di Claudio De Vito – Il futuro in B dell’Avellino resta appeso a un filo con l’iscrizione al prossimo torneo più che mai in bilico. Il club biancoverde infatti entro le 19 di oggi avrebbe inviato la pec con il ricorso finalizzato all’ammissione della fideiussione bocciata dalla Covisoc giovedì scorso e depositato una nuova polizza fideiussoria la quale però secondo le indiscrezioni che giungono da Roma avrebbe le stesse credenziali della precedente. Un’intera tifoseria col fiato sospeso in vista del vaglio-bis dell’organo di vigilanza sui conti delle società.

Qualche giorno per l’esame della documentazione, poi la Covisoc comunicherà al commissario straordinario della Figc Roberto Fabbricini l’esito delle sue nuove valutazioni. Il Consiglio Federale di venerdì infine ufficializzerà l’organico della cadetteria già orfano di Bari e Cesena spazzate via dal campionato. Siena e Ternana hanno un piede e mezzo in B. Nessun blocco dei ripescaggi: lo ha proposto il Brescia in Lega ricevendo condivisione, ma la Figc ha risposto picche. Intanto c’è chi affonda e chi, come l’Avellino, spera affidando ad un comunicato diffuso in tarda serata la sua versione dei fatti.

“In merito alle notizie riportate da diversi organi di informazione relativamente a un rischio di iscrizione da parte dell’U.S. Avellino al prossimo campionato di serie B, la società intende precisare quanto segue:

– E’ stato regolarmente presentato un ricorso avverso la prima decisione della Co.Vi.So.C. in cui sono state specificate le ragioni per le quali, a detta di questa società, la fideiussione aveva tutti i criteri per essere accettata.

– E’ stata presentata, in maniera disgiunta dal ricorso, una nuova fideiussione di 800mila euro, emessa da un istituto che ha provveduto a inviarla direttamente, via PEC, alla Co.Vi.So.C, entro le ore 19, come stabilito dai termini. Una copia di questa fideiussione – il cui premio è stato regolarmente corrisposto dal club all’istituto mediante bonifico bancario stesso questo pomeriggio – sarà in possesso di questa società nella giornata di domani. Si precisa che l’Avellino ha inviato una comunicazione via PEC alla Co.Vi.So.C in cui ha anticipato la sottoscrizione della fideiussione e le modalità di invio telematico della stessa.

– Considerati i tempi ridottissimi, questo club ha fatto l’impossibile per garantire la presentazione di una fideiussione, tra le poche che si è riusciti a produrre, optando per la migliore soluzione tra quelle disponibili.

– Inoltre, la società sta verificando la possibilità di produrre, nelle prossime ore, una terza fideiussione più performante rispetto ai criteri stringenti della Figc”.

Non resta che attendere l’ulteriore parere della Covisoc, ma intanto la situazione resta piuttosto ingarbugliata con un comunicato che non ha per nulla rassicurato la tifoseria biancoverde. Se da Roma dovessero arrivare ancora picche, l’Avellino ricorrerebbe al Collegio di Garanzia del Coni con la possibilità di adire successivamente la giustizia amministrazione. Una volta esperiti tutti i gradi, lo scenario sarebbe raccapricciante con la ripartenza dai dilettanti.

Intanto i calciatori si sono allarmati in ritiro con Michele Marcolini che li ha riuniti per tranquillizzarli. Il loro sonno questa notte ad Ariano Irpino sarà parecchio agitato.