Irpinia violenta: aumentano omicidi e estorsioni. Dilaga l’usura

Irpinia violenta: aumentano omicidi e estorsioni. Dilaga l’usura

10 aprile 2019

Marco Grasso – Reati in calo in Irpinia, sono la droga e l’usura le prime emergenze. Tra il 2017 e il 2018, emerge dal rapporto della Questura di Avellino distribuito nel corso del 167esimo anniversario della Fondazione della Polizia di Stato, il numero totale dei delitti si è ridotto del 4.48 per cento (-3% tra 2016 e 2017). In città il calo è ancora più accentuato, e pari a -5.23%.

In crescita, nell’ultimo anno, omicidi (+200%) e usura (200%), estorsioni (+10.47%), lesioni dolose (+9.90%), truffe e frodi informatiche (+2.16%) e danneggiamenti (+1.98%). In crescita anche i reati legati agli stupefacenti (+32.61%).

Il calo più rilevante riguarda gli incendi (-90.21%). Si riducono anche le rapine (-35.09%), le violenze sessuali (-18.52%), la ricettazione (-16.83%), lo sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile (-12.50%), i tentati omicidi (-10%) e i furti (-9.42%).

In città, invece, aumentano i tentati omicidi (+200%), le lesioni dolose (+23.17%), le estorsioni (+16%) e i danneggiamenti (+8.61%).

Dal rapporto si evince anche l’aumento delle attività di contrasto alle illegalità. In Irpinia le persone arrestate e denunciate nel 2018 sono state 846, in aumento del 10.73% rispetto all’anno precedente (+35.56% in città). Il dato sale fino a +176.47% (in riferimento ai minori) e a +9.32%, in riferimento agli stranieri.

Una parte del rapporto è dedicata al fenomeno dell’immigrazione. I permessi di soggiorno rilasciati sono calati del 45.29%. In calo (-2.30%) i decreti di espulsione eseguiti e le richieste di riconoscimento della protezione internazionale (-41.29%). Aumentano i permessi di soggiorno rilasciati per motivi umanitari (+130.17%) e l’accompagnamento all’ufficio immigrazione per la verifica della posizione nello Stato (+19.30%).

Aumentano gli incidenti stradali, mentre si dimezzano quelli mortali. I reati legati al codice della strada sono comunque mediamente in calo, come le caso delle infrazioni (-5.66%), del controllo degli esercizi pubblici (-13.33%), delle patenti ritirate (-31.92%), delle carte di circolazione ritirate (-20.19%), dei casi di guida sotto l’influenza dell’alcol (-28.57%) o del sequestro amministrativo di veicoli (-33.89%).