Ipercoop, tappa decisiva al Mise. Az Market scopre le carte

Ipercoop, tappa decisiva al Mise. Az Market scopre le carte

6 agosto 2018

“La sospensione della procedura di licenziamento è stato un segnale importante, ora però bisogna andare avanti nella trattativa e trovare una soluzione che possa andare incontro a tutte le esigenze in campo”. Il segretario della UilTucs Mario Dello Russo chiede garanzie per i lavoratori Ipercoop in vista di un incontro che si annuncia decisivo.

Incentivazione all’esodo e trasferimenti presso altre strutture Ipercoop restano le leve sulle quali si agirà per arrivare ad un accordo non traumatico per gli oltre 130 dipendenti dell’Ipermercato di Contrada Baccanico.

I numeri dell’operazione dovrebbero essere finalmente chiari domani mattina, martedì 7 agosto, in sede di verifica al Mise in programma per le 12. Convocati dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, si ritroveranno a Roma i vertici di Coop e Az Market e il sindacato. L’attenzione è tutta puntata sul piano industriale di Az Market ed, in particolare, sul capitolo esuberi e gestione del personale.

Così come i vertici del gruppo calabrese dovrebbero anche anticipare le linee guide del piano di riorganizzazione degli spazi e dei settori merceologici su quali si punterà nel nuovo corso. Un passaggio strettamente collegato al personale ed al numero di lavoratori che saranno utilizzati da Az Market, nel caso in cui dovesse realmente rilevare la sede di via Pescatori.

“Siamo arrivati in una fase cruciale. Credo che domani, dopo il vertice al Mise, avremo finalmente tutti le idee più chiare sul futuro dell’Ipercoop in città. Difficile fare previsoni in questa fase”, precisa Dello Russo. “Rispetto ad un mese fa si sono aperti degli spiragli che lasciano ben sperare, ma fino ad oggi non si è ancora entrati nel merito della trattativa. Le intenzioni di Az Market sono ancora in buona parte ignote, almeno per quanto ci riguarda. Il nostro auspicio è che ci sia la reale volontà di confrontarsi e collaborare per una soluzioni che garantisca la ripresa dell’attività e tuteli tutti i lavoratori”.