Ipercoop, si stringe: è l’ora delle scelte per i lavoratori

Ipercoop, si stringe: è l’ora delle scelte per i lavoratori

1 ottobre 2018

Marco Grasso – Si è aperta una settimana decisiva per i lavoratori dell’Ipercoop di Contrada Baccanico. Il 5 ottobre, al Ministero dello Sviluppo Economico, si metterà nero su bianco su un accordo che apre di fatto la nuova gestione targata Az Market.

Venerdì prossimo dovrebbe essere firmato un accordo che fissa in 83 unità il numero dei lavoratori che saranno assorbiti dal gruppo calabrese. Gli altri dovranno optare tra esodi incentivati, trasferimenti al Nord o la gestione del bar che Az intende affidare a dieci lavoratori. Altre alternative al licenziamento non ce ne sono.

Domani, martedì 2 ottobre, i lavoratori interessati a rilevare la gestione del bar si confronteranno a Salerno con i vertici di Az per entrare nel merito di una proposta che prevede anche un contributo una tantum di 10mila euro. Nel caso in cui non si dovesse trovare un’intesa su questo punto potrebbe saltare l’intero accordo. Un’eventualità già anticipata dall’azienda nel corso dell’ultimo vertice ministeriale.

Giovedì 4 ottobre, invece, i lavoratori saranno in assemblea con il sindacato per un’ulteriore analisi della proposta e, soprattutto, per comunicare le scelte tra le diverse opzioni indicate dall’azienda. L’obiettivo è ridurre al minimo i tagli, facendo leva soprattutto sugli esodi incentivati.

Il giorno dopo, come detto, tutti a Roma per la firma dell’accorso ed il via libera alla nuova gestione. Al Mise Az dovrebbe anche chiarire i tempi tecnici dell’operazione e, quindi, di riapertura della sede di via Pescatori. Arrivati a questo punto, dopo quasi cinque mesi di sciopero, è davvero improbabile immaginare soluzioni alternative.