Ipercoop, riapertura con protesta: presidio degli addetti alle pulizie

Ipercoop, riapertura con protesta: presidio degli addetti alle pulizie

5 dicembre 2018

Scatta il presidio davanti l’Ipercoop dei 10 addetti delle pulizie rimasti fuori dal piano di rilancio di Az Market. “La nuova azienda non ha mantenuto gli impegni”, tuona il segretario della Uil Tucs Mario Dello Russo che rimarca anche l’indisponibilità del gruppo calabrese e della ditta che si sarebbe aggiudicato l’appalto a confrontarsi in Prefettura.

“Non è stato possibile avere un confronto con la nuova azienda sul futuro di queste persone, nè sappiamo al momento come si stia organizzando per gestire il servizio di pulizia all’interno della sede di via Pescatori che, come noto, domani riaprirà i battenti.

“La riapertura dell’Ipercoop ci consentirà di avere più attenzione e visibilità. Crediamo che anche questi lavoratori meritino delle risposte, dei chiarimenti. Domani – conclude Del Russo – organizzeremo anche un’attività di volantinaggio. Non mi sembra corretto lasciare al proprio destino questi lavoratori”.

“Il servizio di pulizie è necessario, i lavoratori hanno dato massima disponibilità ad essere impiegati nel rinnovato servizio appaltato, non si comprendono le ragioni del diniego ad assumere il personale preesistente adibito al servizio”, si legge nella nota di Cgil, Cisl e Uil.

“Le lavoratrici interessate alla vertenza sono state a pieno titolo sempre rappresentate in ogni tavolo di discussione avente ad oggetto la riapertura delle attività di via Pescatori, ed hanno vissuto in prima linea l’intera vertenza con le colleghe dipendenti di Ipercoop. Vedere oggi altri lavoratori lavorare al posto che hanno occupato per venti anni fa rabbia, e resta incomprensibile l’irresponsabilità delle aziende”.