Ipercoop, il grido dei sindacati: “Lavoratori traditi”. E Palazzo di Città tende una mano

Ipercoop, il grido dei sindacati: “Lavoratori traditi”. E Palazzo di Città tende una mano

20 marzo 2018

Renato Spiniello – “Il Comune di Avellino vuole capire le ragioni per le quali Ipercoop sta vivendo un momento di crisi ed evitare, nell’ambito delle proprie competenze, che una catena così importante abbandoni la città”. Arturo Iannaccone, Assessore ai Fondi Europei, alle Attività produttive e alle Partecipate, ha incontrato questa mattina i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil ed Ugl per discutere della delicata questione riguardante il futuro dell’ipermercato irpino e dei quasi 150 lavoratori coinvolti.

L’azienda sarebbe pronta ad essere rilevata dal gruppo calabrese Az, guidato dall’imprenditore Floriano Noto. La trattativa sarebbe in corso e, a quanto sembra, dovrebbe chiudersi nel giro di poco settimane. Alla base della decisione della proprietà attuale di vendere la struttura commerciale di via Pescatori ci sarebbe il progressivo calo degli affari, anche se – secondo i sindacalisti – “Ipercoop non ha fatto fino in fondo quello che poteva fare, tradendo aspettative e sacrifici dei lavoratori”.

“Siamo convinti che la Coop debba dare un segnale d’inversione di tendenza che possa ribaltare la situazione anche al 90° – afferma Giovanni Carpino della Filcams Cgil – Se un gigante come la Coop non è riuscita a rilanciarsi, figuriamoci un’azienda più piccola. E sul territorio ci sono concorrenti che aprono e che fanno introiti”.

“La questione è di una drammaticità tale da dover approfondire – aggiunge il titolare all’annona di Palazzo di Città – Ascoltavo dai sindacalisti che addirittura la Coop possa abbandonare l’interno Mezzogiorno. In gioco ci sono i destini di centinaia di lavoratori ma io allargherei l’orizzonte anche ai consumatori, in quanto la cooperativa è un tassello fondamentale per quella politica dei prezzi sui beni alimentari di prima necessità che consente alle famiglie di risparmiare e calmierare le spese, aiutando l’economia familiare a mantenersi in equilibrio”.

Il Comune è pronto a fare la sua parte, già nel pomeriggio durante la seduta di Consiglio Comunale Iannaccone proporrà un’informativa sulla questione. “Insieme a Giunta e consiglieri ascolteremo poi le parti, i rappresentanti dei lavoratori e anche della proprietà – chiosa l’esponente d’esecutivo – vogliamo capire se possiamo fare in modo che una realtà così importante possa restare sul territorio”.