‘Io Gioco al Parco’: la soddisfazione dell’US Acli

30 luglio 2008

Al Parco delle Acacie di Atripalda, si è chiuso con un simpatico omaggio dei commercianti del luogo e dell’organizzazione che li raggruppa, ASSOCIA, ai bambini intervenuti e con una applaudita esibizione del Team D’Alessandro e della Scuola di Tae Kwon Do la prima edizione di “Io gioco al Parco”, manifestazione ludico-sportiva che ha registrato la presenza di circa 2500 bambini in nove giorni di attività; l’iniziativa, inizialmente programmata dal 21 al 27 luglio, dato l’autentico boom di presenze è stata infatti prorogata fino a martedì 29. Tanti i tornei e le gare organizzate, ma anche riscoperta delle tradizioni e degli antichi giochi dell’aia, mostre e tanti giochi gonfiabili messi a disposizione dall’ASD Golden Events; questi gli ingredienti che hanno caratterizzato l’iniziativa promossa dall’U.S. Acli di Avellino, che ha goduto del patrocinio della Presidenza Nazionale dell’Associazione e dell’Amministrazione Comunale di Atripalda. Gli organizzatori sono tutti molto soddisfatti, confortati dai complimenti delle istituzioni, dei genitori e dei tanti cittadini che sono passati solo per dare un’occhiata. “Certamente ripeteremo l’iniziativa il prossimo anno -conclude il responsabile dell’Area giochi, Sergio Argenio -; ce lo hanno chiesto in tanti, e sicuramente faremo di meglio, sotto tutti gli aspetti”. “Abbiamo creato uno spazio di socializzazione importante –dice Giampaolo Londra, Presidente dell’U.S. Acli di Avellino-, in cui i bambini hanno potuto divertirsi senza freni, allacciando nuove amicizie. Questo format può essere riproposto in tutta la Provincia, e da domani saremo al lavoro per proporlo agli Enti Locali e alle Associazioni operanti sul territorio irpino”. “L’obiettivo della manifestazione -ha dichiarato Alfredo Cucciniello, Presidente Nazionale dell’U.S. Acli- era quello di offrire una occasione di svago e divertimento, ma anche aprire una riflessione sugli spazi delle città, da vivacizzare e rendere sempre più fruibili e a misura di persona; contemporaneamente, nel 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, abbiamo voluto rimarcare l’attenzione sul Diritto al Gioco e allo Sport, quali elementi fondamentali nella crescita e nel processo educativo delle giovani generazioni.I risultati ottenuti ci dicono che siamo sulla buona strada, e su questa strada proseguiremo, in Irpinia e in tutta Italia; già sabato e domenica prossimi, a Morro d’Oro, in Provincia di Teramo avremo una nuova occasione per portare avanti la nostra politica in favore dello sport di cittadinanza”.