Intimidazioni all’Ugl, Luongo: “Rammarico ed indignazione”

20 marzo 2011

Avellino -“Profondo rammarico e senso d’indignazione” esprimono tutti i vertici locali dell’O.S.A.P.P., uno dei più rappresentativi sindacati del corpo di polizia penitenziaria, verso i responsabili delle violenze a danno della segreteria irpina dell’Ugl, “che hanno prevaricato i confini della provincia”. “Gli atti violenti compiuti verso gli apparati direttivi della sigla sindacale – afferma Isacco Luongo – , stando alle note emesse dalla stessa organizzazione sindacale, avrebbero danneggiato anche il Segretario Nazionale dell’Ugl polizia penitenziaria. Lo stesso sarebbe stato raggiunto da una lettera intimidatoria. La ferma condanna verso questo palpabile clima d’odio spesso rivolto alle persone, che patiscono i danni solo ed esclusivamente per le proprie idee, è inaccettabile. Specialmente quando gli atti sono ripetuti nel tempo con il chiaro intento di instaurare un clima terroristico tipico degli anni di piombo. La sigla sindacale O.S.A.P.P., esprime in maniera compatta tutta la solidarietà e la vicinanza a coloro che hanno subito tali intimidazioni, ed auspica che venga fatta luce sui possibili responsabili, che vengano al più presto assicurati alla giustizia gli autori dei gesti violenti. – L’O.S.A.P.P – conclude Luongo – rinnova stima e rispetto verso i colleghi dell’Ugl, e verso tutti i collaboratori esterni, che a qualsiasi titolo, si sentono colpiti ingiustamente da questi attacchi incivili e violenti. Si spera che si torni presto alla calma, che torni la serenità nei rapporti umani e fra le istituzioni, perché talvolta è proprio questo clima d’odio che poi sfocia in questi gesti di barbarie e di spropositata violenza”.