Incidenti sul lavoro, Della Pia: “Più sicurezza e dignità”

14 giugno 2014

“Ancora una volta in pochi giorni un operaio è vittima d’un incidente avvenuto nell’azienda in cui lavora. Negli ultimi anni gli effetti della crisi hanno determinato la chiusura di decine di unità produttive, una crescita storica della disoccupazione e della cassa integrazione, tuttavia in Irpinia, in tutti i settori continuiamo a registrare una drammatica crescita d’infortuni, senza contare i casi in cui gli stessi non vengono neanche denunciati per non interferire sull’aliquota INAIL o perché a danno di lavoratori irregolari. Questa situazione che definiamo mattanza, ci indigna profondamente parimenti al silenzio generalizzato che sovente avvolge fatti tanto drammatici, è inaccettabile continuare ad assistere supinamente a tale involuzione che oramai rasenta le barbarie, invitiamo i lavoratori irpini a sollecitare le rispettive organizzazioni sindacali affinchè si apra una nuova fase di rivendicazioni riguardanti la sicurezza e la dignità di chi lavora. Occorre evitare che l’alibi della crisi trasformi definitivamente uomini e donne in schiavi senza tutele e senza diritti”. Così in una nota Tony della Pia, segretario Rifondazione Comunista.