Inchiesta viadotti autostradali a rischio, verifiche ad Acqualonga e Boscogrande

Inchiesta viadotti autostradali a rischio, verifiche ad Acqualonga e Boscogrande

18 dicembre 2018

Mattinata di verifiche sui tratti autostradali finiti nel mirino della Procura di Avellino. E’ durata circa un’ora l’ispezione della polizia stradale lungo il viadotto Acqualonga, teatro del terribile incidente del 2013 che costò la vita a 40 persone.

L’attenzione delle forze dell’ordine si è concentrata in particolare sulla carreggiata opposta a quella della tragedia del bus. Verifiche in corso anche lungo il viadotto “Boscogrande”, direzione Napoli.

Le forze dell’ordine stanno procedendo con interventi a campione sugli undici undici viadotti irpini sui quali la Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal pm capo Rosario Cantelmo, ha deciso di avviare ulteriori indagini.

Oltre ai due viadotti oggetto dei controlli odierni, l’attenzione della Procura si è concentrata anche su “Pietra Gemma”, “Vallonalto II”, “Sabato”, Vallone Del Duca”, “Carafone”, “Lenze Pezze”, “Del Varco”, “Vallonalto I”, “Scofeta Vergine” e “Francia“, tutti collocati lungo l’A16 Napoli-Canosa e tutti quotidianamente percorsi da centinaia di persone al giorno.

Nei giorni scorsi il Procuratore Cantelmo, dopo l’acquisizione di alcuni documenti presso Autostrade, ha chiesto nuovi atti al Ministero per le Infrastrutture.

L’inchiesta sui viadotti riguarda le attività di manutenzione eseguite dall’agosto 2013 ad oggi ed è su questi elementi che la Procura ha deciso di avviare una nuova e più approfondita attività di indagine. Un’attività di accertamento partita di fatto nel corso del processo per la strage di Acqualonga.