Inchiesta Dirty Soccer, ridotta parzialmente la squalifica all’irpino Adolfo Gerolino

Inchiesta Dirty Soccer, ridotta parzialmente la squalifica all’irpino Adolfo Gerolino

7 marzo 2016

La Corte Federale D’Appello a Sezioni Unite ha reso note le decisioni in merito all’inchiesta chiamata “Dirty Soccer” sul calcio scommesse, avviata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro.

Il procedimento sportivo di secondo grado si è svolto dal 26 al 27 febbraio e dei 28 ricorsi presentati, solo uno è stato accolto (a Vincenzo Melillo a cui è stata annullata la squalifica di 3 anni e 6 mesi e l’ammenda di 50mila euro); mentre sono 14 i ricorsi parzialmente accolti e 13 quelli respinti.

Tra i ricorsi parzialmente accolti anche quello dell’irpino Adolfo Gerolino, tesserato attualmente con il Baiano in Promozione. Il calciatore di origine mandamentale, assistito dall’avvocato Antonio Capriglione, ha avuto una leggere diminuzione della pena da 4 anni e 6 mesi a 4 anni e ammenda di 50mila euro.

Tra i ricorsi respinti non ha avuto fortuna quello del Sorrento, che milita con il San Tommaso in Eccellenza, per cui è stata confermata la penalizzazione di 4 punti e ammenda di 10mila euro. Ammenda ridotta invece per la Pro Ebolitana.


Latests News

Allerta meteo, scuole chiuse in Campania. Ecco dove e quali

A seguito dell’avviso di Allerta Meteo di Colore Arancione, che

21 ottobre 2018