Inchiesta depurazione nel Sannio, il ministro Costa: “Chi inquina paga”

Inchiesta depurazione nel Sannio, il ministro Costa: “Chi inquina paga”

27 luglio 2018

“Bene indagine della Procura di Benevento, chi inquina paga”. Il ministro Sergio Costa commenta i risultati dell’inchiesta che ha portato al sequestro preventivo di sei impianti di depurazione e alla richiesta di rinvio a giudizio di sette sindaci.

“Voglio esprimere il mio più profondo ringraziamento alla Procura della Repubblica di Benevento, al personale del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Benevento e a quello della Capitaneria di Porto di Torre del Greco – Nucleo operativo difesa marittimo, per i risultati dell’indagine che ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio di sette sindaci e di tre amministratori  delle società di gestione del servizio di depurazione e il sequestro preventivo di undici scarichi diretti e di sei impianti di depurazione”.

Il ministro dell’Ambiente Costa commenta i risultati dell’inchiesta coordinata dalla Procura di Benevento, i cui dettagli sono stati presentati oggi in conferenza  stampa, che ha permesso di acclarare numerosissime violazioni della normativa ambientale, con particolare riferimento ai sistemi di smaltimento delle acque reflue nell’intero territorio sannita.

“Contro chi avvelena l’ambiente – prosegue il ministro – condurremo una battaglia senza quartiere: chi inquina paga, e deve pagare fino in fondo. E’ possibile che a inquinare il proprio territorio sia chi ci vive? Dobbiamo combattere questo tipo di attività criminali. Proprio partendo dai territorio si può pensare a salvare il pianeta”.