Inchiesta Cisl Campania, rinvio a giudizio per l’ex segretario Lucci

Inchiesta Cisl Campania, rinvio a giudizio per l’ex segretario Lucci

11 settembre 2018

L’ex segretario generale della Cisl Campania, Lina Lucci, è stata rinviata a giudizio per violazione regolamento economico interno.

Lo scorso 2 maggio l’ex segretario generale della Cisl Campania ha ricevuto un avviso di conclusione delle indagini dalla Procura di Napoli che ipotizzava nei suoi confronti il reato di appropriazione indebita. L’avviso di conclusione indagini venne notificato anche a Salvatore Denza, all’epoca funzionario amministrativo dell’organizzazione sindacale.

Alla Lucci – che si è sempre professata innocente – veniva contestata l’appropriazione di 206mila euro, di cui parte utilizzata per l’affitto di un appartamento e parte relativa a compensi per incarichi presso Fondi interprofessionali (che, secondo quanto contestato dal pm, in base a una delibera della Cisl avrebbe dovuto versare al sindacato) nonchè a spese varie effettuate in un negozio di Napoli.

Stessa ipotesi di reato anche per Denza a cui si contestava l’appropriazione indebita di 172mila euro, in relazione ad incarichi svolti pressi fondi professionali e altri soggetti – come si precisa nel capo di imputazione – rientranti nelle attività e nelle funzioni di sindacato.