INCHIESTA AIAS-NOI CON LORO/ L’sms alla Morgante e il depistaggio di Bilotta

INCHIESTA AIAS-NOI CON LORO/ L’sms alla Morgante e il depistaggio di Bilotta

29 maggio 2018

E’ Gerardo Bilotta, insieme ad Anna Maria De Mita, il principale indiziato nell’ambito dell’inchiesta Aias-Noi con Loro, di cui vi stiamo dando ampio respiro tra le nostre colonne. Il dimissionario presidente della onlus che si occupa di assistenza disabili anche in questo secondo capitolo dell’indagine dimostra di avere un ruolo chiave nel sistema criminoso.

Non solo per i 120 mila euro di fondi Aias “distratti” per la ristrutturazione di un immobile di sua proprietà ad Avellino, ma anche per un manoscritto ritrovato dalla Guardia di Finanza nel suo ufficio di Via Morelli e Silvati, che gli è costato la contestazione di truffa ai danni del Comune di Avellino. Il demitiano di ferro Bilotta avrebbe, secondo la Procura, quasi provato “gusto” a delinquere dati gli anni di impunità.

Tra il fascicolo d’inchiesta spunta anche un’intercettazione in cui tenterebbe un sistema per eludere le indagini. “Dobbiamo dire che… questo documento, noi negando tutti… loro giustamente possono sapere solo quello che sono riusciti a sapere, ma i fatti reali non li sanno, noi dobbiamo essere bravi a spiegarli” riferisce l’ex presidente dell’Aias al figlio Alberto, consigliere comunale ricandidato, e a Massimo Preziuso, titolare della ditta Hs Soluzioni Srl, coinvolta nell’indagine, istruendoli a inquinare il contesto probatorio una volta ascoltati dai magistrati.

Sempre il Bilotta avrebbe inviato dei messaggi all’attuale manager dell’Asl, Maria Morgante, per comunicarle che aveva incontrato Ciriaco De Mita in Regione e che lo stesso gli aveva comunicato che l’accreditamento sarebbe arrivato il giorno dopo. La direttrice generale avrebbe risposto con un laconico “ok”, che ha lasciato sbigottiti gli inquirenti sia per la risposta, sia per il fatto che il sindaco di Nusco, senza alcun ruolo nell’Aias, si occupi della vicenda.

LEGGI ANCHE:

Aias, dramma infinito: sigilli anche alle sedi di Nusco e Calitri

INCHIESTA AIAS-NOI CON LORO/ Lady De Mita la vera padrona: soldi pubblici per pagare le due figlie

INCHIESTA AIAS-NOI CON LORO/ Bilotta e la casa pagata coi soldi “distratti”

INCHIESTA AIAS-NOI CON LORO/ La Scarinzi ai pm: “Mio unico interesse i disabili”