In arrivo 80 milioni di euro per riqualificare i campi da calcio periferici

In arrivo 80 milioni di euro per riqualificare i campi da calcio periferici

16 febbraio 2016

Presto saranno disponibili 80 milioni di euro di prestiti a tasso agevolato per interventi di riqualificazione, incremento della sicurezza e di efficientamento energetico degli impianti calcistici.  L’11 febbraio 2016 è stata infatti firmata la convenzione tra la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e l’Istituto per il Credito Sportivo (ICS) che stabilisce la programmazione con lo scopo della crescita del sistema infrastrutturale degli stadi, attraverso interventi di riqualificazione e di efficientamento energetico finalizzati all’adeguamento degli standard UEFA.

I comuni, proprietari degli impianti sportivi utilizzati dalle società sportive affiliate alla FIGC o di altri soggetti privati proprietari o concessionari dell’impianto, d’intesa con le società sportive che utilizzano lo stadio, potranno utilizzare tali fondi messi a disposizione.

Il plafond può essere utilizzato per aumentare il numero di posti dotati di seggiolini a norma UEFA e/o il numero e il livello dei servizi igienici. Gli interventi potranno inoltre essere finalizzati a valorizzare l’incremento della sicurezza degli impianti.

“Grazie alla disponibilità dell’Istituto per il Credito Sportivo abbiamo creato le condizioni affinché, ammodernando gli stadi, il nostro Paese si avvicini sempre più all’Europa. Come Federcalcio abbiamo l’obbligo di non pensare solo ai grandi impianti, la crescita del sistema passa anche attraverso la riqualificazione delle strutture del cosiddetto calcio di periferia” ha commentato a riguardo Carlo Tavecchio, presidente della FIGC.

Leggi anche: Campi sportivi dilettantistici, dal Fondo Sport 100 milioni per la riqualificazione.