IMS, Morra: reintegrati i due dirigenti Fiom perché “licenziati ingiustamente”

IMS, Morra: reintegrati i due dirigenti Fiom perché “licenziati ingiustamente”

6 giugno 2019

Il tribunale di Avellino ha dichiarato l’illegittimità del licenziamento intimato dalla IMS di Morra De Sanctis , nei confronti di due dirigenti della Fiom Cgil, accogliendo il ricorso presentato dai lavoratori con l’assistenza legale dallo studio della Fiom Cgil di Avellino.

“Il giudice del lavoro ha ritenuto il licenziamento ritorsivo e di conseguenza lo ha annullato, ordinando all’azienda di reintegrare i lavoratori nel posto di lavoro, oltre a risarcirli con il pagamento delle mensilità dovute. Secondo il giudice la presunta calunnie addebitate ai lavoratori erano prive di fondamento” spiega il segretario generale della Fiom Cgil Avellino, Giuseppe Morsa.

I dirigenti erano stati licenziati lo scorso anno. “Ancora una volta l’applicazione dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori ha impedito alle aziende di licenziare ingiustamente due lavoratori e ha consentito alla vittima di poter ritornare nel proprio posto di lavoro, restituendogli un senso di giustizia e una dignità morale che nessun indennizzo economico avrebbe potuto assicurargli” conclude Morsa.