VIDEO/ Il Ministro Grillo al vecchio e nuovo Moscati: “Altro che passerelle, nostro dovere essere qui”

19 maggio 2019

Renato Spiniello – “Commissariamento o no, a me importa che i cittadini campani abbiano una buona qualità del servizio sanitario. L’uscita dalla fase commissariale è una decisione tecnica che non spetta alla politica”. Il Ministro della Salute Giulia Grillo fa tappa ad Avellino, partendo dalla Città Ospedaliera, che ha visitato accompagnata dal manager Angelo Percopo, dai primari della struttura, dal Sottosegretario Carlo Sibilia e dai parlamentari Michele Gubitosa, Maria Pallini e Ugo Grassi.

Un tour che ha toccato i reparti del Corp (Centro Oncologico di Riferimento Polispecialistico)diretto da Cesare Gridelli, del Pronto Soccorso e di Radiologia, al termine del quale la numero uno dei Dicastero di Lungotevere Ripa ha tenuto una conferenza stampa, insieme al Sottosegretario Sibilia e alla deputazione irpina pentastellata, dinanzi l’ex sede del Moscati di Viale Italia. Un edificio abbandonato da anni, che deve ritornare alla cittadinanza. E proprio per questo è stato confermato lo stanziamento di 1 miliardo di euro da parte del Ministero della Salute per il recupero degli edifici sanitari.

“Altro che passerella – chiarisce l’esponente di Governo rivolgendosi agli attacchi del Presidente De Luca – visitare i presidi ospedalieri è il minimo che un Ministro della Salute possa fare. Il Governatore, tra l’altro, non fa altro che insultarmi anche in maniera sessista. Per quanto riguarda la Città Ospedaliera sono rimasta colpita dalla qualità del servizio offerto e dalla struttura, c’è il problema della carenza di personale ma le assunzioni sono state sbloccate ed è previsto un piano di rientro per le Regioni. Per la struttura di Viale Italia, invece, da parte mia ci sarà massima obiettività rispetto alle valutazioni, Palazzo Santa Lucia può presentare i suoi progetti può decidere sulle risorse da investire”.

“L’ex Moscati è per noi tutti una ferita al cuore e la colpa di questo stato di cose va attribuita alla vecchia politica per tutto quello che poteva essere fatto ma mai messo in pratica – aggiunge il candidato sindaco del M5s in città Ferdinando Picariello – Questa zona di Viale Italia è morta lentamente e dobbiamo lottare per ridarle dignità. La vicinanza dei Ministri ci dice che siamo gli unici in grado di poter lavorare a più livelli, ci impegniamo con forza, lealtà e coraggio”.