Il ministro Grillo al Frangipane di Ariano. “De Luca insulta soltanto, essere qui per me è un dovere”

Il ministro Grillo al Frangipane di Ariano. “De Luca insulta soltanto, essere qui per me è un dovere”

19 maggio 2019

Prosegue il tour irpino del ministro della Salute Giulia Grillo. Dopo la visita di questa mattina all’ospedale Moscati di Avellino, nel primo pomeriggio è arrivata al Frangipane di Ariano Irpino. Con il ministro, il sottosegretario agli Interni Carlo Sibilia, il senatore Ugo Grassi e i deputati Michele Gubitosa e Generoso Maraia.

“Come ministero abbiamo chiesto che alcune strutture venissero rinforzate a DEA di primo livello e questa struttura diventerà DEA di primo livello a breve: presto arriverà anche la risonanza magnetica e i quattro posti di oncologia di degenza” ha dichiarato il ministro dopo la visita all’ospedale insieme al dirigente dell’Asl, Maria Morgante e al direttore ospedaliero Alfonso Fortunato. “Anche per la radioterapia i tempi sono brevi – ha proseguito il ministro – ci sono 4 milioni di euro”.

Nei giorni scorsi una circolare a firma del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, intimava ai dirigenti ospedalieri e sanitari di interdire l’accesso non motivato alle corsie e ai reparti, consentendo al personale politico e alle rappresentanze istituzionali di essere ricevuti esclusivamente negli uffici direttivi. “Il presidente della Regione Campania non fa altro che insultarmi dalla mattina alla sera. Io non sono qui in veste di candidato ma di ministro – controbatte Grillo – nessuno sta facendo passerelle elettorali”.

E sul commissariamento il ministro della Salute ha specificato: “Il commissariamento rimane perché è una decisione tecnica, ma c’è una legge che impone a De Luca in quanto presidente di non poter ricoprire contemporaneamente entrambi gli incarichi”.

Ad attendere il ministro anche una rappresentanza dell’associazione Pro Maresca Onlus dell’ospedale di Torre del Greco che ha fatto presente le difficoltà della struttura ormai depotenziata. “Esiste un pronto soccorso ma non ci sta né un cardiologo né un pediatra. Tanti abitanti senza un ospedale funzionante” hanno chiesto le delegate del Maresca alle quali il ministro Grillo ha promesso massima vigilanza e attenzione sul caso.