I tweet di Trump in un libro. La co-promotrice irpina: “L’arte contro la deriva populista contemporanea”

I tweet di Trump in un libro. La co-promotrice irpina: “L’arte contro la deriva populista contemporanea”

7 settembre 2018

Renato Spiniello – Sessantasei (imbarazzanti) tweet del presidente Usa Donald Trump illustrati da rinomati artisti internazionali del calibro di Guy McKinley (Regno Unito), Luciana Guerra (Argentina) e Wulang Sunu (Indonesia) e raccolti in un libro. Il titolo è “Make Art Great Again”, noto anche come The Maga Book, e ricalca il celebre leimotiv dalla campagna elettorale del magnate statunitense.

Dora Giugliano e Richi Braendli

L’idea è stata partorita dalla traduttrice irpina Dora Giugliano e dallo svizzero Richard Braendli, che hanno pensato di utilizzare i cinguettii di Trump come munizioni per combattere il cambiamento climatico, fenomeno di cui l’inquilino della Casa Bianca nega tanto l’esistenza. Tutti i proventi della vendita del libro saranno infatti donati a Greenpeace e 350.org e destinati a iniziative per combattere il riscaldamento globale.

“L’idea è nata per caso – ci spiega Dora, copromotrice del progetto – sia io che il mio compagno eravamo interessati alla politica americana e leggevamo spesso i tweet del presidente degli Stati Uniti. Oggi il linguaggio della politica si sta svuotando sempre più, per questo abbiamo deciso di unire l’utile al dilettevole. Coinvolgendo artisti di fama internazionale abbiamo dato loro visibilità e al tempo stesso sosteniamo la lotta contro il cambiamento climatico”.

I proventi, come detto, saranno destinati a organizzazioni molto attive nella lotta a questo fenomeno. Lo scopo è puramente benefico e la paga stessa per gli autori delle illustrazioni è puramente simbolica. “È stata una grande sorpresa per noi – continua Dora – vedere illustratori così importanti accettare di essere coinvolti nel nostro progetto”.

“La costa est degli Stati Uniti è investita da un’ondata di gelo e per la vigilia di Capodanno sono attese temperature polari. Potremmo usare un po’ di quel buon vecchio Riscaldamento Globale da cui il nostro Paese, e non altri, stanno pagando trilioni di dollari per proteggerci. Copritevi!”

È solo uno dei tantissimi tweet di Donald Trump relativi alla situazione climatica mondiale (gli Stati Uniti sono ufficialmente usciti dai trattati climatici di Parigi e hanno smantellato le riforme del precedente governo Obama).

Ma “Make Art Great Again” contiene cinguettii per tutti i gusti: dalla politica interna allo scandalo Fbi, dalla Corea del Nord agli hater: artisti provenienti da 17 Paesi e con differenti stili (dal collage al graphic design) e diversi background culturali hanno dato la loro interpretazione grafica delle parole di uno degli uomini più potenti al mondo.

Il loro multiculturalismo per combattere la deriva populista della società strettamente contemporanea. “Noi in Italia – aggiunge Dora – di tweet gasparriani e salviniani ne sappiamo qualcosa. E siamo aperti a replicare l’esperimento con altri tipi di personaggi politici. Sono molti a prestarsi, come lo stesso Matteo Salvini. Magari una raccolta dei suoi cinguettii potrebbe avere come scopo benefico quello di donare fondi ad associazioni che si occupano di accoglienza, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica su una politica migratoria più favorevole”.

In attesa di nuovi progetti, la produzione del Maga Book è passata attraverso una campagna di raccolta fondi presente su Kickstarter e il libro sarà disponibile a metà settembre in edizione plurilingue (tweet originali con traduzione in tedesco, italiano e francese) pubblicato dalla casa editrice svizzera Driftwood, ma non si escludono collaborazioni con altri editori per mercati esteri ed eventuali edizioni future.

“Internet – conclude Dora – può rappresentare un ottimo mezzo per finanziarsi. Noi lo abbiamo fatto con Kickstarter, ma si possono finanziare progetti anche più consistenti. Non è il mio caso, ma al giorno d’oggi, grazie al web, storie di successo si possono costruire anche restando in una terra come l’Irpinia”.