I Radicali irpini scrivono al Prefetto Guidato

25 gennaio 2013

Avellino – Michele Minieri, candidato alla Camera dei Deputati per la Circoscrizione Campania 2 scrive al Prefetto di Avellino Guidato, in merito al mancato invito dei rappresentanti Irpini della Lista “Amnistia Giustizia Libertà”, alla riunione svoltasi in Prefettura il giorno 24 gennaio.
“Signor Prefetto, è con rammarico che apprendiamo che in data 24 gennaio 2013 si è svolta, presso la Prefettura di Avellino, una riunione con i rappresentanti locali dei partiti partecipanti alle prossime elezioni, al fine di prevenire il fenomeno del c.d. “manifesto selvaggio”. – si legge – Il rammarico deriva dalla mancata convocazione dei rappresentanti Irpini della lista “Amnistia Giustizia Libertà” a tale riunione. Avremmo voluto poter interpretare tale gesto come un riconoscimento dell’impegno profuso dai Radicali, nelle scorse tornate elettorali, al fine di prevenire lo scempio e la costante violazione dei Diritti della Cittadinanza; impegno concretatosi in un esposto alle Procure di Avellino, Ariano Irpino, S. Angelo dei Lombardi, denunciante l’incuria e la barbarie con cui i partiti si appropriavano di spazi non concessi, incuranti delle sanzioni comminate, al fine di subissare gli elettori di messaggi elettorali illegali. Purtroppo, supponiamo, che tale mancato invito non possa essere visto come un apprezzamento del contributo prestato ma, ahinoi, solo come l’ennesima delegittimazione del “Partito Radicale non Violento, Transnazionale, Transpartito” e di questa Lista di scopo, “Amnistia giustizia e Libertà”, che concorrerà alle prossime elezioni. Siamo certi che in futuro vorrà rendere partecipi anche noi delle iniziative, giuste meritevoli e condivisibili, intraprese dalla Prefettura di Avellino come siamo certi che potrà apprezzare il nostro contributo al fine di elevare il livello dell’agone elettorale, a cominciare dall’evitare l’occupazione abusiva degli spazi pubblici”.