Guacci nuovo capogruppo di maggioranza. Asi, scontro in Consiglio

12 novembre 2012

Solofra – Maria Luisa Guacci, già assessore l’indomani della composizione della prima Giunta, è il nuovo capogruppo di Solofra Domani a Palazzo Orsini. La conferma è arrivata in serata, alla riunione dell’assise civica solofrana che – in buona sostanza – ha offerto ben pochi spunti di riflessioni, segnando però l’avvio ufficiale della nuova squadra di Governo che affiancherà il sindaco Michele Vignola dopo il rimpasto in Giunta avvenuto ad inizio mese e a poco più di 6 mesi dalle elezioni. La Guacci (Pd) subentra a Luigi De Stefano (UdC), neo assessore all’annona.

Il dibattito nella sala consiliare del Comune di Solofra, tuttavia, non è stato privo di emozioni. Alle continue sollecitazioni di chiarimenti circa il riordino dell’area Asi di Solofra (argomento non inserito nell’agenda lavori del Consiglio serale) da parte degli esponenti dell’opposizione consiliare, il sindaco Vignola si è visto costretto a ribadire che “… l’area Asi e la diversificazione produttiva rappresentano una scommessa per questa amministrazione. Stiamo dialogando in maniera diplomatica con gli Enti preposti ma saremo pronti ad arrivare anche allo scontro per arrivare al completamento di questa grande ambizione”. Sul punto del rimpasto in Giunta (che ha visto l’ingresso di due componenti dell’UdC a discapito di due rappresentanti dei ‘democrats’ solofrani), dall’opposizione – per bocca di De Piano e D’Urso (quest’ultimo ha rinunciato al gettone di presenza) – è giunto l’invito a “… guardare ai temi importanti per il paese, temi che oggi non sono all’ordine del giorno di questo Consiglio”.
Di qui – seguendo l’ormai classico copione degli ultimi consigli – si è dato vita allo scontro verbale in aula con l’opposizione che ha accusato la maggioranza di immobilismo e con il sindaco Vignola che, rispendendo al mittente l’accusa, ha rammentato all’opposizione il solco di discontinuità con l’era Guarino instaurato dal nuovo Governo solofrano. Con buona pace di tutti, è stato il neo assessore De Stefano che, replicando alle accuse della minoranza, ha candidamente confessato: “Abbiamo ricostruito gli equilibri politici in amministrazione, i programmi per la città pensati da noi non si realizzano nel giro di pochi mesi”.