Grottaminarda – Esce dal Carcere e minaccia di morte i medici del Sert

1 luglio 2005

Grottaminarda – Nel pomeriggio di mercoledì scorso era stato tratto in arresto per furto nell’abitazione della nonna a Castel Baronia: aveva svaligiato l’appartamento di oro, dell’argenteria e dei soldi. Ieri mattina era stato scarcerato ed ha pensato bene di arricchire la sua fedina penale. Dopo aver “salutato” il Carcere di Ariano Irpino, un 31enne di Castel Baronia, con alle spalle problemi legati alla tossicodipendenza, si è recato al Sert di Grottaminarda. Si è avvicinato ad un medico per chiedere del metadone. Era agitato, gli tremavano le mani, sudava. Ma al rifiuto del sanitario, il 31enne ha estratto dalla tasca dei pantaloni un taglierino ed ha minacciato di morte i medici. Mentre andava in scena la minaccia, uno dei sanitari è riuscito a chiedere l’intervento dei Carabinieri della locale Stazione. L’uomo, resosi conto dell’imminente arrivo dei militari, si è dato immediatamente alla fuga convincendosi di essere riuscito a cavarsela. Ma la sorpresa non si è fatta attendere. E’ stato, infatti, dopo poco riconosciuto e rintracciato dagli uomini della Benemerita nel centro del paese. Gli uomini del Capitano Gianluca Piasentin lo hanno fermato e lo hanno perquisito. L’uomo aveva ancora con sé il taglierino con il quale aveva, poco prima, minacciato di morte i sanitari del Sert. Di qui la denuncia a piede libero all’Autorità Giudiziaria: è accusato di minacce, interruzione di pubblico servizio e di possesso di arma bianca da taglio.