Grassadonia, varco salvezza: “L’Avellino si affronta con cuore e intensità”

Grassadonia, varco salvezza: “L’Avellino si affronta con cuore e intensità”

24 marzo 2018

“Importante ma non decisiva”. Gianluca Grassadonia definisce così la sfida con l’Avellino per la sua Pro Vercelli chiamata a dare uno scossone alla classifica dopo il k.o. di Carpi. I piemontesi non vincono da due mesi e per la salvezza urge una sterzata.

“Arriviamo bene, convinti e consapevoli delle nostre qualità – ha affermato l’ex tecnico della Paganese – domani non sarà una gara decisiva, ma determinerà molto. Sappiamo chi affrontiamo e che partita ci aspetta: dovremo essere aggressivi e concentrati”. “In casa abbiamo vinto poco – ha aggiunto – sotto porta dobbiamo essere più cattivi. In queste ultime dodici partite dovremo sfruttare ogni singola occasione”.

Sotto con l’Avellino per un vero e proprio crocevia salvezza. “L’Avellino ha molta fisicità, dovremo battagliare. Da adesso in poi giocherà chi ci metterà più intensità, aggressività e cuore. Dobbiamo giocare per noi stessi, per la società e per i tifosi: ho la fortuna di guidare un gruppo maturo e di uomini. Siamo caduti in maniera ingenua, ci può stare dopo una serie di partite ravvicinate. Ma adesso non possiamo più sbagliare, siamo consapevoli”.

Si va verso la conferma del 3-5-2. La buona notizia per Gianluca Grassadonia è il recupero di Raffaele Alcibiade in difesa, dove invece è stato escluso Dramane Konatè completamente in bambola a Carpi. “Restano fuori Alex e Bertosa per infortunio, Grossi e Konate per scelta tecnica. Fuori anche Da Silva per un problema alla caviglia. Recupera Alcibiade, è a disposizione” ha annunciato il trainer della Pro che a centrocampo ritroverà anche Giuseppe Vives al rientro dalla squalifica.