Governo – Valzer di Ministri: Romano all’Agricoltura, Galan al Mibac

23 marzo 2011

Roma – Il premier Berlusconi accontenta i malumori dei ‘Responsabili’ e promuove l’ex Udc Saverio Romano al Ministero dell’Agricoltura. Prende il posto di Giancarlo Galan che sostituisce Sandro Bondi al Mibac. Restano però i problemi e i dubbi del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulla nomina di Romano: il neo ministro è infatti coinvolto in due inchieste giudiziarie, una per concorso in associazione mafiosa, l’altra per corruzione aggravata dall’avere agevolato la mafia. “Non sono nemmeno indagato, figuriamoci se sono imputato”. Il neo ministro dell’Agricoltura, Saverio Romano, conversando con i giornalisti a Montecitorio, si difende dalle accuse circolate nei giorni scorsi di un suo coinvolgimento in vicende giudiziarie. Coinvolgimento che, fino ad oggi, avrebbe ‘frenato’ la sua nomina a ministro. “Sono fiducioso – spiega Romano – e assai contento che il gip svolga il suo ruolo di controllo. E’ una inesattezza dire che io sia imputato. Sono fiducioso” su come andranno a finire le cose, “non capisco i motivi per cui io debba temere qualcosa. Non ho mai avuto una condanna, ne’ un rinvio a giudizio, quindi da cosa dovrei difendermi?”, chiede l’esponente dell’esecutivo. Per tutte queste ragioni, insiste, “non ci sono ostacoli alla mia nomina a ministro. Sono solo circolati molti veleni. Io ho la coscienza a posto, non ho nulla da temere. E’ stata montata una vicenda di veleni su di me solo perche’ da un mese si parlava della mia nomina a ministro”, conclude Romano.