“Golden Money”, il cerchio si chiude: arrestato l’ultimo estorsore

21 ottobre 2011

Ai carabinieri mancava solo l’ultimo tassello per concludere l’operazione Golden “Money”, che nei giorni scorsi ha portato allo smantellamento di una banda di circa 6 estorsori che operava a danno degli imprenditori del baianese. Ma Antonio Ostacolo, l’unico che era riuscito a sfuggire ai militari, si è consegnato spontaneamente questa mattina alle forze dell’ordine. L’uomo, ritenuto vicino al sodalizio criminoso operante nell’avellinese, si è presentato intorno alle 9 presso la Caserma dei Carabinieri di Avella. Dopo la notifica dell’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Avellino, Giuseppe Riccardi, nei suo confronti e di altre 5 persone, già tratte in arresto lo scorso 18 ottobre, é stato pertanto tradotto nel Carcere di Avellino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In attesa che la magistratura faccia il suo corso ed accerti la verità giudiziaria del caso, si chiude dunque il cerchio sull’operazione condotta dalle forze dell’ordine. I sei, in base agli accertamenti dei carabinieri, tenevano stretti in una morsa numerosi piccoli imprenditori della zona, costretti più volte a vendere beni mobili ed anche immobili per reperire il denaro necessario a saldare i tassi di interesse, ch talvolta superavano il 150%.